Convegno sul Muro di Berlino, duro botta e risposta Serracchiani-Fedriga

L'ex governatrice punta il dito contro i «sovranisti davanti alle scuole», mentre per il presidente della Regione Fedriga la deputata dem «è pro gender e negazionisti». Tutto questo 30 anni dopo l'evento

«Se sei contro l'antisemitismo non inviti a Trieste un personaggio come Maria Schmidt, criticata dallo Yad Vashem per il suo coinvolgimento nel controverso nuovo museo dell’Olocausto di Budapest e per le sue teorie riduzioniste e giustificazioniste. E proprio nella sede della Regione Friuli Venezia Giulia a esibirsi con l'Internazionale Sovranista a spese degli italiani, davanti alle scolaresche di Trieste». È la denuncia lanciata dalla deputata Debora Serracchiani all'indomani del convegno "Il Muro di Berlino trent'anni dopo", organizzato dalla Regione nel palazzo di piazza Unità a Trieste, che commenta al contempo le affermazioni del presidente Fedriga da Israele, in condanna dell'antisemitismo. 

«Un convegno dedicato alla caduta del muro di Berlino – la parlamentare dem – è l'occasione per dar voce a personaggi come Maria Schmidt e Ryszard Legutko che, sotto ai titoli professorali, sono noti per le loro posizioni omofobe e illiberali o per le interpretazioni distorte dell'Olocausto. In un parterre dove faceva da padrone di casa il vice effettivo di Fedriga, l'assessore Roberti, accanto a docenti italiani che da sempre guardano a destra, gli ambasciatori più fedeli del sovranismo di Visegrad hanno offerto la visione del pensiero unico al potere sponsorizzata dalla Regione».

I relatori

«Maria Schmidt è una stretta collaboratrice – continua Serracchiani – e 'storica di corte' del premier Orban, nei cui scritti si trovano riferimenti al 'complotto mondiale giudaico-comunista' e la difesa della cosiddetta "vera democrazia maggioritaria" contro la corruzione globalista sponsorizzata dal mostro Soros. Legutko è un eurodeputato polacco del partito conservatore al potere, co-presidente assieme a Raffaele Fitto (FdI) del gruppo dei Conservatori e riformisti (Ecr) al Parlamento Ue. Per lui "l’Unione europea riflette l’ordine e lo spirito della liberal-democrazia nella sua versione più degenere", mentre omosessuali, africani e femministe sono “culture di moda”, che  agiscono in modo “tirannico”». «I portatori di queste idee hanno parlato davanti a una delegazione di studenti delle scuole superiori di Trieste, grazie alla collaborazione con l'Ufficio Scolastico Regionale. Da chiedersi – conclude Serracchiani – se sia stato condiviso l'indirizzo decisamente politico dato a quello che si fatica a chiamare convegno».

Fedriga

«Serracchiani vorrebbe censurare chi parla di famiglia e di Patria, chi condanna il comunismo, chi osa criticare questo modello di Unione Europea. Questo è il concetto di democrazia a cui ambisce il Pd. Non solo. La deputata si è indignata perché al convegno “Il muro di Berlino trent’anni dopo” erano presenti degli studenti. Insomma ai ragazzi, per l’esponente della sinistra, non bisogna raccontare i crimini del comunismo. Evidentemente Serracchiani e compagni vogliono portare nelle scuole solo la teoria gender e finanziare le associazioni dei negazionisti e riduzionisti del dramma delle foibe, cose che peraltro hanno fatto quando erano al governo della Regione». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ministro Speranza ha deciso: tampone obbligatorio per chi torna dalla Croazia

  • Bonus da 600 euro, anche il consigliere regionale Franco Mattiussi tra i beneficiari

  • Fotografa i bambini e poi scappa su un’auto blu: la segnalazione parte dal Carso

  • Rifiuta le sue avances e lui le sputa addosso: sconcerto in piazza Libertà

  • Notte di San Lorenzo, ecco i 5 posti più belli dove ammirare le stelle cadenti a Trieste

  • Nascondeva un arsenale da guerra in casa: arrestato 60enne a Muggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento