rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
La presentazione ufficiale / Barriera Nuova - Città Nuova / Via Cesare Battisti

Sanità: nasce il Coordinamento contro il nuovo atto aziendale

Il movimento è nato a seguito della petizione lanciata dai sindacati pensionati di Trieste, allargandosi, ad oggi, a 86 associazioni attive in ambito sanitario

Si è svolta venerdì 11 marzo la conferenza stampa del Coordinamento Sanità di Trieste. Il movimento è nato a seguito della petizione lanciata dai sindacati pensionati di Trieste, allargandosi, ad oggi, a 86 associazioni attive in ambito sanitario. Sono intervenuti il Segretario Spi Cgil Adriano Sincovich, Maria Grazia Cogliati Dezza (Un’altra Città) e Alfio Stefancic del comitato ABC Salute, oltre a numerosi rappresentanti delle associazioni.

Nel corso dell’incontro sono state evidenziate le criticità principali contenute nell’Atto Aziendale di ASUGI, e in particolare la forte contraddizione tra l’impianto di programmazione regionale e le linee guida nazionali. Hanno preso parte alla conferenza esponenti dell’opposizione, tra cui i consiglieri regionali Moretti (PD), Cosolini (PD) e Ussai (M5S) e i consiglieri comunali Laterza (AT) e Richetti (M5S). Di seguito le rivendicazioni:

- Sospensione dell'approvazione degli Atti Aziendali fino a quando non siano esplicitate le ricadute del PNRR sulla sanità FVG

- Chiarimento del ruolo del Distretto socio sanitario, vera e unica struttura organizzativa nel cui ambito e/o regia vengono attivati tutti i servizi territoriali

- Potenziamento della sanità territoriale in virtù del Pnrr: non si riducano nel numero e nelle funzioni gli attuali Distretti sanitari a Trieste

- Sburocratizzazione dei servizi territoriali, di assistenza domiciliare e di comunità

- Valorizzazione del lavoro delle Microaree

- Integrazione operativa tra funzioni sanitarie dell'ospedale e del territorio, nonché tra funzioni sanitarie e funzioni sociali dei Comuni, centrali nel processo di programmazione e gestione di Asugi

- Collocazione delle Case di Comunità all'interno dei Distretti sanitari e condivisione con le rappresentanze delle società civile

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità: nasce il Coordinamento contro il nuovo atto aziendale

TriestePrima è in caricamento