Nue 112, Modica (FdI): «Ricominciamo da capo»

In merito alle segnalazioni dei presunti ritardi delle ambulanze denunciate da vari cittadini a riguardo degli incidenti di viale Miramare e di largo Barriera

In merito alle segnalazioni dei presunti ritardi delle ambulanze denunciate da vari cittadini a riguardo degli incidenti di viale Miramare e di Largo Barriera, interviene Matteo Modica,  candidato al consiglio regionale nella lista di Fratelli d'Italia che dichiara: «Abbiamo oltrepassato ogni limite. È da quasi un anno che denunciamo il malfunzionamento della centrale unica a causa di scelte politiche scellerate che non tutelano il cittadino infortunato e che non hanno mai considerato il pensiero di chi realmente lavora sul campo e a cui dobbiamo fare un plauso. Perché lavorare nell'incertezza con istruzioni poco chiare e non uniformi si ripercuote proprio sul lavoro degli operatori e di conseguenza sul servizio alla cittadinanza».

«Non si scherza sulla "pelle dei cittadini" facendo esperimenti - conclude l'espodente di FdI -; sulla Sanità in FVG ricominceremo da capo, tanto che Fratelli D'Italia in consiglio regionale proporrà la revisione del piano dell'emergenza sanitaria con proposte costruttive e che avvicinino nuovamente la sanità al cittadino».

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Ristoranti di pesce nel mirino, 55 mila euro di multe, nove denunce e cinque chiusure

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Malore in spiaggia, bambina finisce al Burlo

Torna su
TriestePrima è in caricamento