menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piena assoluzione per Paolo Polidori: «Tredici anni di calvario, chi paga ora per questo?»

Arriva anche in Secondo grado la piena assoluzione per Paolo Polidori, ex presidente dell'Areran e ora capogruppo della Lega Nord al Comune di Trieste

Piena assoluzione anche in secondo grado per Paolo Polidori dopo una prima sentenza già di assoluzione ma che fu impugnata dalla Procura della Repubblica per la presunzione di un danno erariale. 

La prima citazione in giudizio aveva visto diversi nomi della giunta Tondo, tra i quali l'allora presidente della Areran, Agenzia regionale per la rappresentanza negoziale, Paolo Polidori, che fu assolto con formula piena in Primo grado. Sentenza che fu poi impugnata stabilendo un nuovo grado di giudizio che dopo circa 10 anni si è concluso nuovamente con un'assoluzione con formula piena per Paolo Polidori.

Con l'istituzione nel 1998 del Comparto unico del pubblico impiego del Friuli Venezia Giulia (articolo 127 della legge regionale 13/1998), che comprende la Regione, le Province, i Comuni, le Comunità montane e gli altri Enti locali, la Regione si prefiggeva lo scopo di determinare, attraverso la definizione di regole e discipline, legislative e contrattuali, comuni a tutto il personale delle suddette Amministrazioni,  le condizioni per una piena attivazione della mobilità del personale all'interno del Comparto, una semplificazione e razionalizzazione degli apparati, nonché, sul versante dei contratti, attuare un processo di omogeneizzazione ed equiparazione dei trattamenti economici per tutto il personale del comparto. 

Nelle funzioni di presidente della Areran, Paolo Polidori iniziò l'omogeneizzazione con un aumento dell'8,9%, equiparando le condizioni economiche contrattuali
tra tutti i dipendenti del Comparto Unico. Decisione che fu pienamente giustificata dalla Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia.

Il motivo del contendere che ha portato poi all'avvio di un procedimento da parte della Procura, con l'allora procuratore generale Giovanni De Luca, fu la scelta della giunta Tondo, tra l'altro a fine legislatura a circa tre mesi dalle elezioni che avrebbe poi vinto Riccardo Illy, di dare una direttiva e un mandato con una precisa delibera al presidente Areran Paolo Polidori, per firmare un aumento contrattuale ai dipendenti regionali di un 2,3%

Citato in giudizio per un presunto danno erariale ammontante a circa 15 milioni di euro, Paolo Polidori, ha attraversato e superato ben due gradi di giudizio, il secondo dei quali si è concluso nuovamente con la sua piena assoluzione.

L'ex presidente di Areran, ora Capogruppo della Lega Nord al Comune di Trieste, Paolo Polidori: «Cosa dire di questa faccenda? Che ho vissuto tredici anni con la spada di Damocle sopra la testa. Tredici anni nei quali ho dovuto, nonostante tutto, trovare la forza di lavorare, costruire,  investire nella mia azienda con l'incubo che da un momento all'altro mi togliessero tutto. Io, un padre di famiglia che ha adempiuto al suo dovere, a dover attraversare tredici anni di calvario con questo enorme fardello nascondendolo anche ai miei cari per non riversare su loro le mie preoccupazioni e la mia pena. Chi paga ora per questo?»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: calano isolamenti e ricoveri, a Trieste 167 contagi

  • Cronaca

    Vaccini: sospese le prenotazioni per gli under 60

  • Cronaca

    La Croazia riapre ai turisti: ecco le regole

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento