Passaggio di Sappada al Fvg, Iacop: «Soddisfazione per ddl approvato al Senato»

«Storicamente Sappada ha forti legami culturali e linguistici con la nostra regione»

Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente del Consiglio regionale Fvg Franco Iacop per l'approvazione, da parte del Senato, del disegno di legge che prevede il distacco del Comune di Sappada dalla Regione Veneto e la sua aggregazione alla Regione Friuli Venezia Giulia. Il testo passa ora alla Camera dei deputati. «Storicamente - ha osservato Iacop - Sappada ha forti legami culturali e linguistici con il Friuli Venezia Giulia, la sua contiguità geografica la porta a considerare da sempre l'area di Forni come suo interlocutore di vicinato. Non dobbiamo inoltre dimenticare che l'arcidiocesi di Udine include il comune di Sappada e che i legami con la nostra regione spaziano in moltissimi altri campi, su tutti quello turistico e sportivo».

«Ma ciò che mi piace evidenziare - ha aggiunto Iacop - è che il voto di oggi al Senato conferma il rispetto delle istituzioni centrali sia nei confronti di una volontà popolare che si è espressa in modo plebiscitario per il passaggio di Sappada al FVG, sia nei confronti dei due Consigli regionali, che hanno entrambi avallato con un pronunciamento formale questa volontà».

«Voglio inoltre sottolineare - ha concluso Iacop - l'impegno profuso dalla nostra europarlamentare Isabella De Monte, che come senatrice presentò il testo che poi venne unificato con quello che vede prima firmataria la senatrice Raffaella Bellot, e dal senatore Francesco Russo, che ho avuto modo di incontrare alla vigilia del voto di Palazzo Madama».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

Torna su
TriestePrima è in caricamento