rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Politica

Pdl Triestino: " no Ingerenze Lega in Casa nostra". Fontanini: " il mio Dirimpettaio e' Gottardo"

Il Pdl triestino non accetta ''ingerenze o indicazioni'' dalla Lega sulla scelta del candidato sindaco a Trieste: lo hanno detto oggi i coordinatori provinciali, Sandra Savino e Piero Tononi.Replicando al segretario regionale del Carroccio, Pietro...

Il Pdl triestino non accetta ''ingerenze o indicazioni'' dalla Lega sulla scelta del candidato sindaco a Trieste: lo hanno detto oggi i coordinatori provinciali, Sandra Savino e Piero Tononi.

Replicando al segretario regionale del Carroccio, Pietro Fontanini, che aveva indicato Roberto Antonione come il miglior candidato a Trieste, i responsabili del Pdl hanno chiarito che
''la politica a casa nostra la facciamo noi'' e che ''la Lega interverra' in un secondo momento''.

Al Pdl non sono piaciute le dichiarazioni di Fontanini - una sorta di ''insider trading'', e' stato detto - arrivate nel momento in cui il partito ha iniziato un sondaggio telefonico per valutare le possibili candidature.
I nomi sondati del Pdl sono quelli dei consiglieri regionali Piero Camber e Maurizio
Bucci, del vicecoordinatore regionale Sergio Dressi e quello di Antonione, che gia' da mesi ha dato la disponibilita' a correre per il Municipio.

Secondo quanto si e' appreso, l'indagine demoscopica - che sara' resa pubblica - mette a confronto anche i candidati avversari, come quello del centrosinistra Roberto Cosolini, il finiano Roberto Menia, l'ex Pdl Franco Bandelli, e pure qualche outsider tra cui uomini della societa' civile vicini al
centrodestra.

Savino e Tononi hanno quindi rivendicato la trasparenza adottata nel processo di decisione, che analizza il gradimento elettorale attraverso il sondaggio, il gradimento del partito e infine quello della coalizione.
''Oggi nel Pdl nulla e' certo - ha precisato Savino - ma noi non abbiamo mai dato indicazioni in casa d'altri''.
Infine il Pdl triestino ha chiarito che il referente nel Carroccio non sara' Fontanini ma il segretario provinciale, Massimiliano Fedriga. ''Noi - ha concluso Tononi -parliamo solo con lui''.

E Fontanini ?

''Savino e Tononi? Il mio dirimpettaio si chiama Isidoro Gottardo, io parlo con lui'': ha detto il segretario regionale della Lega Nord.
Interpellato dall'ANSA sulle accuse di ''ingerenza'' avanzate oggi dai coordinatori del Pdl triestino in vista delle candidature per le prossime comunali, Fontanini ha aggiunto che ''si aspetta e non si deve perdere la calma, perche' dobbiamo tenere noi il Comune''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pdl Triestino: " no Ingerenze Lega in Casa nostra". Fontanini: " il mio Dirimpettaio e' Gottardo"

TriestePrima è in caricamento