menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pensionati Cgil - Cisl - Uil: "Manovra Socialmente Inacettabile" Pensionati in Piazza il 12 dicembre

«Nessun obiettivo di risanamento può giustificare la scelta di colpire i pensionati così pesantemente come fa la manovra presentata domenica. Una scelta in clamoroso contrasto con gli obiettivi di equità e sostegno alla crescita dichiarati dal...

«Nessun obiettivo di risanamento può giustificare la scelta di colpire i pensionati così pesantemente come fa la manovra presentata domenica.
Una scelta in clamoroso contrasto con gli obiettivi di equità e sostegno alla crescita dichiarati dal nuovo Governo».
È quanto dichiarano le segreterie regionali dei sindacati pensionati di Cgil, Cisl e Uil, pronte a mobilitarsi con le rispettive confederazioni in vista dello sciopero e delle manifestazioni di lunedì 12 dicembre.

«Limitare l'integrale adeguamento Istat delle pensioni ai soli assegni fino a 468 euro, con aumenti dimezzati fino al limite dei 936 euro e azzerati al di sopra di questo tetto - dichiarano i segretari generali Ezio Medeot (Spi-Cgil), Gianfranco Valenta (Fnp-Cisl) e Arnoldo Renni (Uilp-Uil) -, è l'ennesimo durissimo colpo ai redditi reali dei pensionati, che subirà un pesante ridimensionamento nel corso del 2012 e del 2013.
Tanto più che le altre misure annunciate dal Governo, dall'aumento delle accise dei carburanti ai nuovi rincari dell'Iva, determineranno un'ulteriore impennata dell'inflazione. Tutto questo non è soltanto iniquo e socialmente inaccettabile, ma anche controproducente ai fini dell'efficacia della manovra, perché la compressione dei redditi reali avrà inevitabili ricadute sui livelli dei consumi e quindi sulle già precarie prospettive di crescita».
Spi, Fnp e Uilp giudicano inaccettabile anche il drastico innalzamento dei requisiti di età e anzianità per l'accesso alla pensione. «Una misura - dichiarano Medeot, Valenta e Renni - dettata unicamente dalla volontà di far cassa sulle pensioni, dal momento che la situazione dei conti previdenziali è in equilibrio, in particolare per quanto riguarda i lavoratori dipendenti, come ha riconosciuto lo stesso Presidente del Consiglio. L'allungamento dei requisiti, inoltre, rischia di avere pesanti ricadute anche sui lavoratori in cassa integrazione e mobilità prossimi al pensionamento».
Da qui la mobilitazione contro la manovra, che per i sindacati dei pensionati deve essere modificata prima del suo varo definitivo e poi in Parlamento. Ma c'è massima attenzione anche su quello che potrà accadere a livello locale, per scongiurare aumenti delle addizionali, delle tariffe o tagli di servizi che aggraverebbero ulteriormente la già pesante situazione dei pensionati e delle famiglie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

social

Porzina con senape e kren: la ricetta della tradizione triestina

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento