Politica

Piano commercio, Roberti: «Il Comune mette in croce operatori e svuota centri abitati»

Duro attacco del candidato sindaco Pierpaolo Roberti alla Giunta comunale a seguito dell’approvazione di 8 nuovi centri di grande distribuzione organizzata nella provincia di Trieste

Duro attacco del candidato sindaco Pierpaolo Roberti alla Giunta comunale a seguito dell’approvazione di 8 nuovi centri di grande distribuzione organizzata nella provincia di Trieste.

«Il piano varato –esordisce Roberti- è l’ennesima dimostrazione di quanto la maggioranza a guida Pd sia distante dai reali problemi dei cittadiniFavorendo la speculazione attraverso la costruzione di oltre 30.000 metri quadrati di superfici di vendita, non viene infatti solo arrecato un notevole danno al commercio di vicinato ma si finisce col dare un colpo di grazia ai rioni in termini di presidio territoriale e dunque di sicurezza».

«I titolari di esercizi che volessero trasferirsi all’interno di un centro commerciale si troverebbero inoltre costretti con ogni probabilità a sottoscrivere non più contratti “di locazione” – spiega il candidato sindaco - con la possibilità dunque di cedere l’attività o di beneficiare di un’indennità di avviamento, bensì quelli Roberti Lega Nordassai più vincolanti “di affitto di ramo d’azienda”».

«Ciò significa che questa Giunta e i consiglieri che hanno approvato la delibera stanno mettendo in croce, sull’altare di interessi politici – ed economici per chi realizza le opere-, le ultime speranze di ripresa del commercio a Trieste».

«A tal proposito – conclude Roberti - sabato 14 marzo avrò modo di confrontarmi, a partire dalle 17.30, con gli operatori di settore e i cittadini al bar Royal di via Carducci 12».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano commercio, Roberti: «Il Comune mette in croce operatori e svuota centri abitati»
TriestePrima è in caricamento