Venerdì, 19 Luglio 2024
Politica

Alcatel Trieste: 300 in Piazza Unità con la Serracchiani

Si sono ritrovati anche oggi festa della Liberazione in Piazza Unità d'Italia a Trieste. Erano in più di 300 in camice bianco a incontrare il presidente della regione Debora Serracchiani, il sindaco Roberto Cosolini e le Istituzioni

La presidente della regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, il sindaco Roberto Cosolini e gli assessori competenti hanno incontrato oggi le rappresentanze sidacali e i lavoratori dello stabilimento Alcatel-Lucent di Trieste. Intanto piazza Unità si tingeva di bianco con le centinaia di camici bianchi (circa 300) indossati dai tecnici e dipendenti nella pacifica manifestazione protrattasi per tutto l'incontro istituzionale.

La presidente Serracchiani si è dichiarata ottimista e soddisfatta per l'incontro avvenuto oggi: «Oggi a Trieste vicino ai lavoratori dello stabilimento Alcatel, eccellenza del territorio», ha dichiarato ai margini della riunione. È poi scesa in piazza la presidente per incontrare i lavoratori e indossare anche uno dei camici bianchi.

A seguito dell'acquisto da parte del colosso delle comunicazioni finlandese Nokia, erano circolate voci sulla possibile cessione degli stabilimenti a carattere produttivo, tra questi il sito di Trieste che occupa tra dipendenti e indotto, circa 850 persone. Nell'ultimo incontro al MISE, Roberto Loiola, amministratore delegato di Alcatel-Lucent Italia, ha dichiarato al ministro Federica Guidi il carattere di estrema strategicità del sito di Trieste.

Luca Vecchi, rappresentante sindacale UILM per i lavoratori dello stabilimento Alcatel di Trieste si dichiara soddisfatto dopo l'incontro con la presidente Serracchiani: «L'interesse politico è alto ma non dobbiamo abbassare le difese. Oggi i lavoratori in piazza erano moltissimi segno che tutti hanno compreso quanto sia importante e delicata questa situazione e quanto sia fondamentale esserci»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alcatel Trieste: 300 in Piazza Unità con la Serracchiani
TriestePrima è in caricamento