Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

Programma di governo, M5s: «Pochi contenuti e tante dimenticanze»

«Fedriga non ha affrontato alcune criticità su cui si dovrà mettere mano nel corso della legislatura»

"Le parole che non ti ho detto". Si può definire così il programma di governo del presidente Fedriga secondo i consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle Ilaria Dal Zovo, Mauro Capozzella, Cristian Sergo e Andrea Ussai.
«Se da un lato certi riferimenti sono quelli che ci aspettavamo, alcuni dei quali presenti anche nel nostro programma elettorale, dall'altro alcuni passaggi ci lasciano perplessi per la pochezza dei contenuti e le tante dimenticanze. Nonostante la necessaria sintesi per comprimere un programma di 5 anni in una decina di pagine, diventa difficile dare un giudizio su un discorso che si ferma ai titoli e ai buoni propositi senza dare risposte ai grandi problemi della regione».

«Il presidente si è soffermato più sul metodo che nel merito delle questioni - continuano i pentastellati - non affrontando alcune criticità su cui si dovrà mettere mano nel corso della legislatura. Nulla ad esempio è stato detto sul futuro delle nostre partecipate, ma nemmeno sui problemi che il mondo agricolo affronta per colpa dell'ente pagatore Agea, sul compito dell'Amministrazione regionale in tema di vigilanza o sui rimborsi ai soci delle cooperative, sui problemi infrastrutturali principali, come i colli di bottiglia ferroviari o i dragaggi infiniti del fiume Corno, nulla sui treni acquistati da anni e mai messi in circolazione, né sulla mobilità sostenibile o sul servizio idrico che necessita di grossi investimenti e di essere pubblico».

«Anche sulle Uti e sulla sanità si è detto troppo poco, ma soprattutto non si è compreso cosa si vuol fare. Sul cavallo di battaglia del presidente si è capito che si contrasterà l'immigrazione clandestina, argomento trattato anche nel contratto di Governo stipulato tra Lega e M5S a Roma, ma Fedriga continua a non dire che politiche intenderà attuare per chi irregolare non è».
«La nostra volontà - concludono i consiglieri regionali - è quella di migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini, con un atteggiamento propositivo e costruttivo, vigilando sull'operato di questa Giunta».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Programma di governo, M5s: «Pochi contenuti e tante dimenticanze»

TriestePrima è in caricamento