Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

"Pronto soccorso intasati", Riccardi: «Assessore Telesca riferisca su stato reale e soluzioni da adottare»

Il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Riccardo Riccardi, chiede chiarimenti all'assessore Telesca su stato dei Pronto soccorso

«Attese infinite, pazienti lasciati sulle barelle in corridoio, personale del tutto sottodimensionato: è questa la situazione che vivono ormai quotidianamente i Pronto soccorso della nostra regione. Un vero e proprio status di emergenza che l'Amministrazione regionale cerca goffamente di difendere colpevolizzando la solita epidemia influenzale stagionale. Noi siamo convinti che le ragioni siano altre e che vadano ricercate nella riforma sanitaria. Una cosa però è certa: così non si può andare avanti. Per questo abbiamo chiesto la convocazione urgente della III Commissione consiliare per audire l'assessore regionale alla salute, Maria Sandra Telesca, affinché riferisca in merito alla drammatica situazione dei Pronto soccorso del Friuli Venezia Giulia».

A dare l'annuncio è il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Riccardo Riccardi, che rileva: «Solo nelle ultime settimane si sono susseguite numerosissime segnalazioni di
intasamento e di sovraffollamento nei reparti di Pronto soccorso di tutta la regione. Ne cito soltanto alcuni: San Daniele è quasi al collasso con pazienti in attesa lasciati sulle barelle nei corridoi; attese infinite si sono verificate a Pordenone, specialmente a ridosso delle festività; a Gorizia manca il primario da un anno e il Pronto soccorso pediatrico chiude alle
18.00; per non parlare di Trieste dove attese di 10 ore sono ormai all'ordine del giorno. Siamo arrivati addirittura al punto che il direttore sanitario dell'Aas 5 ha fatto un appello ai
cittadini chiedendo di non recarsi al Pronto soccorso».

«Purtroppo questa è solo la punta dell'iceberg di una situazione che si sta facendo drammatica soprattutto per i cittadini/pazienti costretti a delle vere e proprie odissee per poter essere assistiti in maniera decorosa. Non siamo arrivati al punto di avere pazienti curati a terra, come successo a Nola, ma se andiamo avanti così, siamo sulla buona strada».

«Goffi tentativi di scaricare le responsabilità di questo stato di cose su medici e infermieri - prosegue il capogruppo di Forza Italia - vanno respinti con indignazione, stante il loro
incessante impegno che non è mai venuto meno, nonostante la grave carenza di personale più volte segnalata».

«L'assessore Telesca venga in III Commissione e ci informi sullo stato reale delle cose e sulle soluzioni per risolvere il problema, anche perché - conclude Riccardi - non ci accontentiamo della difesa che si tratta di un'emergenza che riguarda tutti i Pronto soccorso in Italia».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pronto soccorso intasati", Riccardi: «Assessore Telesca riferisca su stato reale e soluzioni da adottare»

TriestePrima è in caricamento