menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«I liberatori di Trieste furono gli jugoslavi»: Dubs e Polacco (Pdl/Fi) contro Cosolini e l'ospite alla manifestazione contro il razzismo

I consiglieri circoscrizionali Roberto Dubs e Alberto Polacco (Gruppo Pdl/Forza Italia) attaccano il sindaco Roberto Cosolini e la sua Giunta per aver sostenuto e promosso una manifestazione contro il razzismo a cui era presente Stanka Hrovatin che aveva rilasciato affermazioni simili a quelle di Furlanic su Tito

«Concessione a titolo non oneroso della piazza Unità, rilascio autorizzazioni per intrattenimento musicale all'aperto senza vincoli di volume, autorizzazione transito automezzi, questo è quanto concesso dalla Giunta Cosolini ( delibera n.338 dd 15-09-2015 ) al Comitato Dolci che ha organizzato la manifestazione contro il razzismo a Trieste qualche giorno fa; ospite della manifestazione Stanka Hrovatin, nota alle cronache per aver sposato le tesi filo titine del presidente del consiglio comunale Furlanic dichiarando testualmente: "I liberatori di Trieste furono gli jugoslavi", (Il Piccolo 2 novembre 2014)».

roberto dubs e alberto polacco-2I consiglieri circoscrizionali Roberto Dubs e Alberto Polacco (Gruppo Pdl/Forza Italia) attaccano il sindaco Roberto Cosolini e la sua Giunta: «Contestiamo che il Comune di Trieste sostenga e promuova una manifestazione contro il razzismo dove interviene chi si rende responsabile di simili affermazioni che danneggiano la memoria storica della città. Quello che hanno fatto i titini a Trieste non era razzismo (foibe, pulizia etnica, persecuzioni contro gli italiani,...)? Continuano purtroppo le gaffe dell’amministrazione Cosolini su questo tema (riferimento alle dichiarazioni del presidente del Consiglio comunale Iztok Furlanic, ndr)».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festa della mamma: origini e curiosità

social

Giro d'Italia 2021: tre le tappe in Friuli Venezia Giulia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento