Domenica, 16 Maggio 2021
Politica

Referendum, Serracchiani scrive ai circoli Pd Fvg: «Abbiamo perso. Dobbiamo riflettere sugli errori commessi»

La vicesegretaria del Partito democratico «orgogliosa di voi. Possiamo risollevarci dalla sconfitta e preparare il riscatto»

La vicesegretaria nazionale del Pd Debora Serracchiani, nella serata di ieri, ha inviato una lettera ai circoli del partito del Friuli Venezia Giulia: «È stata una campagna elettorale lunga e faticosa - ha scritto - che ha riportato la politica al centro del dibattito pubblico, coinvolgendo la stragrande maggioranza dei cittadini nella discussione sul futuro del nostro Paese», precisando poi che «il risultato è sotto gli occhi di tutti: abbiamo perso. Tutti, a cominciare da me, siamo chiamati a riflettere sugli errori commessi».

«I luoghi e le occasioni non mancheranno ma ciò che mi preme in questo momento è dirvi grazie - ha proseguito Serracchiani - per l’impegno profuso in questa sfida. Ognuno di voi ha messo una grande passione innanzitutto nello studiare una riforma complessa e ampia per spiegarla a chi frequentiamo nella vita quotidiana, nell’organizzare iniziative, fare il porta a porta, telefonare ad amici e conoscenti. Sono le prove tangibili di un fatto innegabile: siamo una grande e fiera comunità politica e lo restiamo anche nelle prove più difficili».

«Sono orgogliosa di voi - ha sottolineato la vicesegretaria Pd - della vostra presenza in ogni territorio di questa Regione, del vostro amore per la politica e per la cura del bene comune. Con queste doti possiamo risollevarci dalla sconfitta e preparare il riscatto».

«La mobilitazione di questi mesi è un tesoro da custodire gelosamente e anzi da coltivare, per renderla stabile strumento di partecipazione e di dibattito sulle scelte che riguardano i nostri Comuni, la nostra Regione e - ha concluso Serracchiani - l’Italia tutta».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum, Serracchiani scrive ai circoli Pd Fvg: «Abbiamo perso. Dobbiamo riflettere sugli errori commessi»

TriestePrima è in caricamento