Regione: accattonaggio, divieto di utilizzare animali

Tra le altre norme approvate divieto di tenere cani legati a catena fissa. Vietato inoltre il dono di animali come premio durante sagre e feste ed aggiornata la definizione di allevamento di cani e gatti per attività commerciali

Favorevoli all'unanimità i consiglieri della III Commissione consiliare regionalepresieduta da Franco Rotelli (Pd), alle modifiche alla legge regionale 20 del 2012 che detta norme per il benessere e la tutela degli animali di affezione.

Finalità importanti quelle perseguite dalla legge, che nel tempo ha evidenziato alcune difficoltà attuative - ha sottolineato Telesca ricordando che è in via di preparazione anche un regolamento applicativo. L'argomento era stato affronto in sede di assestamento di bilancio 2014, ma poi le modifiche presentate vennero stralciate e oggi sono state presentate con alcuni emendamenti al testo a suo tempo esaminato.

Le modifiche riguardano fra l'altro la definizione di allevamento di cani e gatti per attività commerciali (ora la detenzione a questo scopo è fissata in 3 o più fattrici e in 10 o più cuccioli nell'anno); il divieto di utilizzare animali nella pratica dell'accattonaggio; così pure il divieto di tenere  cani legati a catena fissa (per non più di 8 ore nella giornata  è permesso detenere i cani a una catena a scorrere, lunga almeno 4 metri e munita di moschettoni rotanti alle estremità; il cane deve poter raggiungere facilmente riparo, cibo e acqua); è anche vietato il dono di animali come premio, ricompensa omaggio o regalo nell'ambito di giochi, feste e sagre, lotterie, attività commerciali, spettacoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altri articoli dello stralcio riguardano le strutture di ricovero e custodia con riferimento alle tariffe e misure minime di sostegno economico da parte dei Comuni; l'accesso negli esercizi pubblici, commerciali e nei locali e uffici aperti al pubblico; la tempistica relativa agli obblighi di denuncia di variazione di residenza del proprietario del cane e di smarrimento, sottrazione, cessione e morte dell'animale.

Aggiunto un emendamento relativo all'attività di addestramento, educazione, istruzione e abilitazione di animali che - è detto - devono essere impartiti esclusivamente con metodi non violenti; l'inizio dell'attività deve poi essere comunicata al Comune e all'Azienda per i servizi sanitari dopo aver ottenuto il nulla osta.

Infine, una modifica aggiuntiva riguarda l'accesso dei cani ai giardini, parchi, aree pubbliche e anche spiagge libere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

  • Auto precipita nella scarpata in zona Muggia (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento