Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Regione, proposta per sostenere i giovani bisognosi nello sport

Titolo della proposta di legge presentata dal vicecapogruppo di Forza Italia in consiglio regionale, Rodolfo Ziberna, insieme ai consiglieri forzisti Riccardo Riccardi, Roberto Novelli, Elio De Anna e Bruno Marini

Misure per la promozione dell’attività sportiva di giovani in condizione di bisogno”: questo è il titolo della proposta di legge presentata dal vicecapogruppo di Forza Italia in consiglio regionale, Rodolfo Ziberna, insieme ai consiglieri forzisti Riccardo Riccardi, Roberto Novelli, Elio De Anna e Bruno Marini.

“Lo sport – sostiene Rodolfo Ziberna - rappresenta un fenomeno sociale che ha svolto, ed ancora oggi svolge, un ruolo fondamentale per la formazione individuale e la promozione del benessere fisico e mentale del singolo, con effetti positivi sulle capacità di apprendimento. Lo sport è una delle attività che da sempre ha contribuito a promuovere uno stile di vita positivo, consentendo ai giovani di esprimere le loro inclinazioni e la loro personalità, di sviluppare un’attitudine alla cura del corpo, anche sotto il profilo dell’educazione alimentare, di promuovere uno spirito partecipativo ed incline alla sana competizione destinato ad agevolare la vita ed il lavoro in gruppo. I valori di onestà Zibernae solidarietà impliciti nell’attività sportiva offrono, infatti, uno stimolo fondamentale per prevenire le tendenze disgreganti comuni nella società contemporanea, particolarmente evidenti nel fenomeno del bullismo, favorendo l’integrazione sociale e culturale, contrastando le devianze della discriminazione e dell’intolleranza.”

La situazione di crisi economica – aggiunge Ziberna - ha acuito però le difficoltà di numerose famiglie, incrementando il numero di quelle prossime a condizioni di povertà o semi povertà. Non sono poche quelle famiglie non in grado di corrispondere la quota associativa per le attività sportive dei propri figli. Con la proposta di legge si concederanno contributi alle famiglie in condizioni di disagio economico, i cui figli minori di età praticano attività sportiva in associazioni o società sportive dilettantistiche, affiliate alle Federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva, iscritte al registro del CONI riconosciute ai fini sportivi. I contributi saranno concessi per il pagamento delle quote d’iscrizione annuali richieste dalle associazioni o società sportive per l’attività dei minori di età.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, proposta per sostenere i giovani bisognosi nello sport

TriestePrima è in caricamento