Riforma sanitaria, Fantin (Fi): «Scempio da bloccare, a rimetterci come sempre i pazienti»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

La bocciatura di entrambe le mozioni per il mantenimento del punto nascita latisanese rappresenta l'ennesimo stupro della nostra sanità.

La giunta regionale continua a calpestare la volontà dei cittadini e a mettere la testa sotto la sabbia rispetto ai dati incontrovertibili forniti più volte.

Le previsioni sono pari a 600 parti all'anno, 300 parti dal 1 agosto ad oggi, e solo questi dati smentiscono sufficientemente le motivazioni sollevate dall'assessore Telesca.

L'atteggiamento ideologico della giunta non è solo profondamente incomprensibile ma anche inaccettabile. fantin-2

La riforma sanitaria produrrà conseguenze assai negative nei confronti dell'intero sistema sanitario regionale, mantenendo pergiunta gli sprechi.

Oltre al danno non possiamo permettere anche la beffa: la giunta Serracchiani deve prendere una decisione prima delle elezioni amministrative assumendosi le proprie responsabilità, senza nascondersi dietro a squallidi giochetti tecnici per rimandare la decisione dopo la tornata elettorale.

Saranno i cittadini poi, attraverso la loro suprema sovranità, a giudicare il loro operato.

Nicolò Fantin,

Coordinatore regionale Forza Italia Giovani Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento