Polidori: "Rimosse le bandiere rosse in Carso"

La Polizia Locale ha effettuato una ricognizione per controllare l'effettiva rimozione delle bandiere. Il vicesindaco: "Il mio invito non aveva alcun fine repressivo"

"Oggi, 21 maggio, a tre settimane dalla festa del 1º Maggio, ho avuto il riscontro che le bandiere rosse sono state praticamente completamente rimosse da tutto il territorio del Comune di Trieste", lo dichiara il vicesindaco Paolo Polidori dopo aver avvisato i cittadini che l'affissione era sanzionabile come da regolamento di Polizia Urbana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bandiere rosse in Carso, Polidori - Babuder: "Sanzionabili per regolamento"

Decoro urbano e rispetto delle regole

"Da una ricognizione della Polizia Locale, anche dai borghi del Carso, sia dalle abitazioni private che dai pali dell’Acegas, non si riscontrano più infatti vessilli appesi, così come prescritto dal regolamento di Polizia Urbana, che ne prevede la rimozione entro una settimana dall’evento. Sono pertanto estremamente soddisfatto per lo spiccato senso civico di coloro i quali hanno capito lo spirito del mio intervento di una decina di giorni fa, volto al ripristino del decoro urbano e al rispetto delle regole. È stato quindi accolto il mio invito alla rimozione, che rimarco e ribadisco, non aveva alcun fine repressivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: la console croata chiarisce la posizione del Paese

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Blocco unilaterale dei confini, Fedriga chiede l'intervento del Governo

  • Va a sbattere contro un cassonetto, brutto incidente in strada di Fiume

  • La Slovenia fa dietrofront: le frontiere apriranno gradualmente

  • La giunta "riscrive" il calendario delle feste: la Liberazione sarà il 12 giugno

Torna su
TriestePrima è in caricamento