menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rosato (pd): "Ferriera. E' dal 2008 che il Governo si e' Impegnato per la Riconversione, Direi che e' ora che faccia qualcosa "

Riceviamo dall'On. Ettore Rosato deputato Pd e pubblichiamo: Il Governo affronti, in modo serio ed efficace e senza più dilazioni e omissioni, tutte le problematiche sia occupazionali che ambientali legate alla riconversione e alla bonifica...

Riceviamo dall'On. Ettore Rosato deputato Pd e pubblichiamo:

Il Governo affronti, in modo serio ed efficace e senza più dilazioni e omissioni, tutte le problematiche sia occupazionali che ambientali legate alla riconversione e alla bonifica del sito industriale Ferriera di Servola.
Lo chiede il deputato del Pd Ettore Rosato in un'interrogazione al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro dello sviluppo economico.

Dopo aver rievocato la risoluzione con cui, il 24 settembre 2008, la Commissione ambiente della Camera dei deputati aveva impegnato il Governo ad attuare entro sessanta giorni un programma di riconversione cui far seguire l'eventuale chiusura della ferriera di Servola, Rosato sottolinea come sia ormai "improcrastinabile un intervento mirato, promosso principalmente dal Governo e dalla regione Friuli-Venezia Giulia e condiviso dalle associazioni per la difesa dei cittadini e del territorio che operano nel quartiere, che porti alla urgente chiusura e contestuale conversione della ferriera di Servola, ponendo alla base di ogni possibile azione che vada in tal senso la necessità di ridare sicurezza e vivibilità alla popolazione del quartiere e di garantire la piena occupazione ai lavoratori che vi sono impiegati."

Il parlamentare democratico prosegue ricordando che il sottosegretario Saglia si era impegnato lo scorso 14 giugno a partecipare alla costituzione di un "tavolo specifico dedicato al sistema produttivo triestino una volta risolta la questione finanziaria dell'azienda e il suo piano industriale, e che l'11 luglio scorso il Consiglio comunale di Trieste aveva approvato una mozione secondo la quale Trieste si aspetta che la Regione Friuli Venezia Giulia e il Governo nazionale si facciano carico finalmente di problemi da tempo trascurati perché ne va dello sviluppo della città e delle nuove generazioni e in cui si chiede al sindaco di sollecitare urgentemente la elaborazione di un accordo di programma che abbia come protagonisti principali il Governo nazionale, regione, provincia e comune di Trieste."

Rosato rimarca infine che "sono passati già quasi tre anni dall'approvazione della risoluzione ma, degli impegni assunti dal Governo, nessuno è stato rispettato", e conclude "è ora che a questa situazione si metta la parola fine".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento