menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, Telesca: «Emendamento per stabilizzare 180 ricercatori negli Irccs del Fvg»

Provvedimento riservato agli istituti di ricovero e cura in cui vengono svolte attività di ricerca e gestione dei servizi sanitari. Possono essere privati o pubblici come il caso di Cro e Burlo

Soddisfazione è stata espressa dall'assessore regionale alla Salute e Integrazione sociosanitaria Maria Sandra Telesca per l'approvazione in Commissione bilancio della Camera di un emendamento che permette la stabilizzazione dei precari degli Irccs e degli istituti zooprofilattici. «È un lavoro di squadra cui abbiamo dato sostegno e contributo», ha rilevato Telesca.

Per effetto di questo emendamento, i contratti di cinque anni per i ricercatori e le figure professionali di supporto potranno essere rinnovati per un arco di altri cinque anni solo una volta, dopodiché è possibile solo il passaggio all'impiego a tempo indeterminato. «Nel frattempo è previsto un processo graduale e progressivo di stabilizzazione», ha rilevato l'assessore regionale alla Salute. «La stabilizzazione dei precari, anche nella sanità - così Telesca -, è un aspetto fondamentale sotto il profilo della continuità dei servizi, della valorizzazione delle risorse umane e del giusto riconoscimento delle professionalità. L'emendamento, se otterrà l'ok finale, si applicherà automaticamente anche agli Irccs del Friuli Venezia Giulia, il Cro di Aviano e il Burlo Garofolo di Trieste».

Gli Irccs sono istituti di ricovero e cura a carattere scientifico nei quali vengono svolte attività di ricerca clinica, nonché di gestione dei servizi sanitari. Possono essere privati o pubblici, e quest'ultimo è il caso di Cro e Burlo. Il provvedimento, secondo una prima stima, interessa in Friuli Venezia Giulia 180 ricercatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento