Lunedì, 17 Maggio 2021
Politica

Sanità, Novelli e Riccardi (FI): «Per le liste d'attesa non è accettabile una disparità tra le Aziende sanitarie»

«Serve equità sia nelle prestazioni che nelle attese»

Roberto Novelli

«Non è accettabile che per le liste d'attesa in sanità vi sia una disparità tra le varie Aziende sanitarie del Friuli Venezia Giulia, con tempi che variano moltissimo tra un territorio e l'altro e una penalizzazione maggiore delle Aziende della Provincia di Udine. Così qualche esempio: a Trieste l'83% delle visite per chirurgia vascolare rispettano i tempi previsti, a Udine solo il 31%; la risonanza magnetica a cervello e tronco encefalico 86% a Trieste, 34% a Udine».
Così i consiglieri regionali di Forza Italia Roberto Novelli e Riccardo Riccardi commentano la relazione sullo stato d'attuazione della legge regionale 7/2009 e sui risultati ottenuti in termini di contenimento dei tempi d'attesa per la fruizione delle prestazioni sanitarie, esaminata in III Commissione consiliare.

«In un settore fondamentale e delicato come quello della sanità - rilevano Novelli e Riccardi -, bisognerebbe puntare all'equità sia delle prestazioni sia delle attese su tutto il territorio regionale, anche perché non si può costringere gli utenti a spostarsi da una parte all'altra per dover attendere anche mesi e mesi. Pensiamo, ad esempio, agli anziani o alle persone con disabilità che molto spesso non hanno mezzi di trasporto e comunque non hanno sempre facilità di spostamento».
«Senza contare, poi, - continuano - il fatto che tempi di attesa lunghi non fanno che spingere i pazienti verso la sanità privata, la quale, tra l'altro, già adesso per alcune prestazioni offre tariffe più vantaggiose rispetto al ticket pubblico».
«Auspichiamo - concludono Novelli e Riccardi - che il prossimo anno, anche alla luce di questi risultati, il trend venga invertito, garantendo prestazioni omogenee in tutto il Fvg».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Novelli e Riccardi (FI): «Per le liste d'attesa non è accettabile una disparità tra le Aziende sanitarie»

TriestePrima è in caricamento