Venerdì, 25 Giugno 2021
Politica

Sanità, Ussai (M5S): «Tagli per 50 posti letto per piano ferie estive Asuits, Fedriga intervenga»

«Rilevanti le criticità rispetto al credito di ferie annuali, soprattutto l'area delle degenze e del servizio Emergenza Urgenza (38.547 giorni)»

«La riorganizzazione prevista dal "piano ferie estive" dell'Asuits, che prevede la perdita di quasi 50 posti letto, rischia di essere definitiva. Fedriga e il neo nominato assessore alla Salute Riccardi devono trovare urgentemente le risorse per il personale per evitare ulteriori tagli alla Sanità triestina». A chiederlo è il consigliere regionale pentastellato Andrea Ussai a pochi giorni dalla presentazione del "piano ferie estive" 2018 e dalla conferenza stampa dei sindacati.

«Per assicurare lo svolgimento delle ferie al personale - spiega Ussai - alla luce delle rilevanti criticità rispetto al credito di ferie annuali, soprattutto l'area delle degenze e del servizio Emergenza Urgenza (38.547 giorni), l'Asuits ha stimato la necessità di integrare la dotazione degli organici con 52 unità infermieristiche e 20 Oss (Operatori Socio Assistenziali). A causa dei vincoli di bilancio però le assunzioni di personale (a tempo determinato) saranno molto più esigue di quelle necessarie e da oggi, lunedì 21 maggio, sono iniziate invece le misure di riorganizzazione che porteranno a numerosi tagli: chiusura estiva della BIC (Area di degenza a bassa intensità di cura - 28 posti letto), riduzione dei posti letto in Medicina d'Urgenza (8 posti letto), paventato trasferimento di 3 posti letto della Struttura Complessa Anestesia Rianimazione dall'Ospedale Maggiore a Cattinara, accorpamento delle degenze dell'Oncologia assieme a quelle di Ematologia, trasferimento delle funzioni ACCO (Accoglienza Condivisa) in Pronto Soccorso e trasferimento dell'attività pomeridiana del Centro Immunotrasfusionale dell'Ospedale Maggiore presso la sede di Cattinara per recuperare unità di personale e infine la riduzione dell'attività chirurgica delle Sale Operatorie».

«La nostra preoccupazione - aggiunge Ussai - deriva dalla consapevolezza che queste misure non sono il frutto di un ragionamento volto a migliorare il servizio o a renderlo più efficiente ma derivano della difficile situazione economica e di carenza di personale in cui versa l'Azienda triestina. Vanno trovate urgentemente le risorse per il personale, che si vocifera ammontino a quasi a 3 milioni di euro, per bloccare queste chiusure ed evitare che diventino definitive. Per mettere in sicurezza e riformare il Servizio sanitario regionale bisogna partire dal blocco dei tagli imposti agli ospedali e iniziare a potenziare realmente la sanità territoriale. Vanno tutelati - conclude il consigliere pentastellato Ussai - soprattutto quei territori che hanno subito di più una furia riformatrice che ha visto tutti gli ospedali come manicomi da chiudere».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Ussai (M5S): «Tagli per 50 posti letto per piano ferie estive Asuits, Fedriga intervenga»

TriestePrima è in caricamento