Politica

«Rapine, risse, pestaggi, spaccio di stupefacenti», il Sap chiede di passare «dalle parole ai fatti»

Il sindacato autonomo di Polizia con il suo segretario provinciale Lorenzo Tamaro: «Servono finanziamenti importanti per assumere personale nuovo e giovane, per fornirlo di mezzi e dotazioni adeguate, istruirlo ed addestrarlo in modo da renderlo moderno e al passo con i tempi»

«Rapine, risse, pestaggi, spaccio di stupefacenti, questi alcuni dei fatti di cronaca degli ultimi giorni nel capoluogo giuliano. Ma anche la strage di Istanbul e lo scoppio a Firenze di un ordigno che ha così gravemente e irrimediabilmente ferito il collega artificiere, al quale va tutto il sostegno del Sap di Trieste, impongono necessariamente una particolare attenzione sulla questione sicurezza in Italia e a Trieste». Lorenzo Tamaro, segretario provinciale del Sindacato autonomo di Polizia ribadisce che «la posizione del Sap a riguardo è ormai nota. La novità di questi giorni è costituita dalle dichiarazioni di alcuni soggetti politici, in particolare la segretaria regionale del Pd Antonella Grim e la presidente della Regione Ffvg Debora Serracchiani, in controtendenza con le posizioni da loro espresse in passato ed oggi così vicine a quelle linee che da tempo il Sap esprime sulla “sicurezza”».

«È giunto il momento che queste figure di rilievo politico a livello locale e nazionale siano portavoce influenti all’interno del Governo sostenuto dal loro partito, affinché si “faccia sicurezza” per davvero e non solamente si “parli di sicurezza” - continua Tamaro -. Servono finanziamenti importanti, da sostenere magari fuori dalla legge di stabilità, per assumere personale nuovo e giovane, per fornirlo di mezzi e dotazioni adeguate, istruirlo e addestrarlo in modo da renderlo moderno e al passo con i tempi. Servono inoltre “regole” chiare e applicabili affinché che anche, ad esempio, i “rimpatri” tanto enunciati in questi giorni possano essere veramente possibili».

«“Per esserci sempre” - conclude il segretario provincale - serve avere gli strumenti per farlo, il Sap è da tempo e continuerà a essere in campo, a disposizione di tutti, per cambiare un sistema sicurezza che oggi non soddisfa la richiesta del cittadino e le professionalità, peraltro dimostrate, degli operatori di polizia bistrattati anche sul piano stipendiale».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Rapine, risse, pestaggi, spaccio di stupefacenti», il Sap chiede di passare «dalle parole ai fatti»

TriestePrima è in caricamento