menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scontri in via San Nicolò, Globalproject: «Manifestanti manganellati senza alcun motivo»

È l'inizio di un articolo pubblicato sul sito globalproject.info

«Ieri, 26 gennaio, il leader della lega Matteo Salvini si è recato in visita a Trieste, passando in rassegna alcuni luoghi simbolo della città fondamentali alla sua propaganda escludente, xenofoba e ricca di ignoranti luoghi comuni».

È l'inizio di un articolo pubblicato sul sito globalproject.info.

«Di fronte - continua la nota -  ad un evento di questo tipo, un gruppo di attivisti ed attiviste ha accolto l'invito al “caffè con Matteo” e si è recato nella zona del centro per andare a contestare Salvini, i suoi simpatizzanti ed alcuni rappresentanti del SAP locale (Sindacato delle Forze dell'Ordine tristemente noto per i suoi attacchi a Patrizia Moretti, madre di Federico Aldrovandi).  Diversi sono stati i momenti di opposizione che si sono svolti nella via pedonale in cui si trovava l'incontro, via che già da diverse ore risultava blindata da camionette e forze dell'ordine. I fascioleghisti nostrani sono stati soggetti ad una serie di contestazioni: uno striscione, recante la scritta “Salvini is not welcome”, è stato calato da una finestra di un esercizio commerciale innanzi al punto d'incontro con il leader del Carroccio. Contemporaneamente, lungo i confini della presunta “zona rossa” imposta alla città, da un lato un gruppo di attori hanno proposto una performance; dall'altro lato, un gruppo di manifestanti ha cercato di avvicinarsi all'appuntamento con Salvini, disturbandolo con cori e trombette, così da non lasciare alcuno spazio di agibilità a colui che basa la propria immagine e politica sulla paura del diverso». 

«Di fronte a questi eventi - sottokineano i manfiestati - , la risposta “democratica” delle forze del (dis)ordine è stata quella di effettuaretre cariche a freddo, rincorrendo e manganellando indistintamente manifestanti, passanti e giornalisti. Dopo le cariche della polizia, oltre trecento persone si sono ritrovate all'appuntamento pubblico delle 17 convocato dalla Trieste Antifascista e Antirazzista, per dimostrare che la città  rifiuta ogni forma di esclusione razzista, ignorante e xenofoba e che abbraccia, invece, politiche di accoglienza e condivisione. In una città come Trieste - in cui mancano quasi completamente spazi pubblici e aperti, in cui la morsa della crisi ha fatto sì che gli unici luoghi di aggregazione siano stati costretti a chiudere - non vogliamo lasciare nemmeno un centimetro di spazio a chi aizza guerre tra poveri per cavalcare l’onda della crisi a fini elettorali.  Il vero degrado è originato da chi ha prodotto la crisi e con essa si è arricchito, sfruttandola a suo vantaggio ed alimentando strumentali divisioni e spaccature».

«Contesteremo - concludono sempre gli opportunisti che, agendo la più becera politica, spalleggiano chi -per propaganda o mero razzismo- continua ad inventare finte aggressioni, stupri, o fatti come quello delle bombe alla moschea di Padova. Non resteremo mai indifferenti e silenziosi di fronte a questi personaggi, il cui unico scopo è quello di ricompattare una destra fascista e populista, incapace di percepire e comprendere i cambiamenti del nostro tempo, né di accettare nel proprio vocabolario concetti quali “migrazione” ed “accoglienza”».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Guida

Ancora sole ma minime fino ai 4 gradi: il meteo per domani 9 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento