Politica

Scuola, Zilli (Ln): «Riconoscere il ruolo delle scuole paritarie»

La consigliere regionale della Lega Nord, Barbara Zilli, sulla questione relativa alle scuole paritarie

«Scuole paritarie: ai ritardi da parte del ministero, si accompagnano i ritardi regionali per le sezioni primavera. Questi istituti ormai sono ridotti all'asfissia: questo il commento di Barbara Zilli (LN) in occasione della scorsa seduta d'Aula in cui si è discusso del bilancio regionale e la Giunta ha accolto un ordine del giorno primo passo verso il riconoscimento del ruolo di questi istituti per la società.

«Siamo di fronte a una spirale viziosa - dice oggi la Zilli - e l'amministrazione non fa nulla per interromperla: la Regione non può prescindere da una doverosa attività di pressing sul
ministero per l'erogazione dei contributi agli istituti paritari e nemmeno nascondersi dietro il paravento della carenza di organico per la ritardata erogazione dei fondi per le sezioni
primavera: in ogni caso a rimetterci sono le famiglie».

«È innegabile che il servizio offerto dalle paritarie, in particolare dell'infanzia, sia ormai irrinunciabile e complementare a quello fornito dalla scuola pubblica - prosegue la Zilli -. Così stando le cose, le scuole sono costrette anche a sacrificare gli stipendi degli insegnanti e i servizi di pre e post accoglienza».

«Negli ultimi cinque anni le paritarie chiuse in Italia sono state 350 - continua la Zilli - e la responsabilità spesso è attribuibile proprio alla mancata corresponsione in tempi utili dei fondi ministeriali. La soluzione prospettata dall'assessore Panariti per l'erogazione dei contributi pregressi per le sezioni primavera è doverosa, ma è inaccettabile che in una situazione di cronica incapacità del governo di rispettare i termini per concedere i finanziamenti, pur avendo i soldi in cassa, la Regione corra ai ripari con una doverosa attività di persuasione,
né dando sollievo alle scuole coprendo i costi per le sezioni primavera (bambini da 18 mesi a 3 anni)».

«Tutti questi aspetti - chiosa la consigliera del Carroccio - stanno a significare una sola cosa: finora sulla questione la Regione si è dimostrata totalmente assente. Confido che
l'accoglimento dell'ordine del giorno sia un primo passo verso il giusto riconoscimento di questi istituti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, Zilli (Ln): «Riconoscere il ruolo delle scuole paritarie»

TriestePrima è in caricamento