rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica

Sdemanializzazione Porto Vecchio, Carbone: «Riuso grande opportunità ma anche grande rischio»

Lo scrive nel proprio profilo l'avvocato Gianfranco Carbone, già vicepresidente socialista della giunta regionale

«Ora è legge. Il Porto Vecchio di Trieste è sdemanializzato e diventa un pezzo (grande) di città. Se ne parlava dalla fine degli anni '80 fra polemiche e scontri politici. In 35 anni è cambiato il mondo e le idee che fecero nascere allora la proposta vanno certamente riaggiornate». Lo scrive nel proprio profilo l'avvocato Gianfranco Carbone, già vicepresidente socialista della giunta regionale.

«Chi è contrario - continua Carbone -  lamenta la perdita del punto franco ma, con la nuova legge, può essere spostato.
La questione è un'altra. Il riuso del porto vecchio può diventare una grandissima opportunità per Trieste ma anche segnare il suo declino definitivo. Mi spiego: 60 ettari sono una nuova città. Se in quell'area si spostano funzioni che già esistono in una città di 200.000 abitanti si creeranno vuoti e si segnerà la desertificazione di una parte della città esistente».

«Se, al contrario - conclude il pos tl 'avvocato -, si riuscirà a farne un perno di nuove opportunità potrebbe diventare il luogo del rilancio. Dipende dalla "testa" della classe dirigente di Trieste. I pedigree in campo non indulgono al l'ottimismo ma un po' di fiducia e speranza ci vuole nella vita».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sdemanializzazione Porto Vecchio, Carbone: «Riuso grande opportunità ma anche grande rischio»

TriestePrima è in caricamento