menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Seganti & Brandi: Finanziaria 2012 le Novita' su Commercio, lavoro, Attivita' Produttive e Turismo

E' stata confermata oggi dall'assessore regionale alle Attività produttive, Federica Seganti, la riduzione dell'IRAP del 25 per cento per le aziende, una manovra che lascerà nelle casse delle imprese regionali 85 milioni netti e compenserà...

E' stata confermata oggi dall'assessore regionale alle Attività produttive, Federica Seganti, la riduzione dell'IRAP del 25 per cento per le aziende, una manovra che lascerà nelle casse delle imprese regionali 85 milioni netti e compenserà abbondantemente, ha rilevato l'assessore, il calo di fondi destinati al comparto, che nel 2012 ammonteranno a 50,5 milioni di euro (20 milioni in meno rispetto al 2011).

Il prospetto delle azioni riservate alle attività produttive inserite nella Finanziaria 2012, al vaglio delle Autonomie locali, è stato illustrato dall'assessore Seganti e dalla sua collega al Commercio, Lavoro e Formazione professionale, Angela Brandi, ai rappresentanti delle categorie economiche nel Palazzo della Regione a Trieste per definire scelte ed obiettivi ed "accogliere suggerimenti e proposte da inserire nelle strategie operative che verranno messe a punto - ha confermato Federica Seganti - per sostenere il tessuto produttivo regionale". Angela Brandi ha spiegato alcuni punti del programma normativo e finanziario che la Giunta ha predisposto a favore del Commercio, a partire dal provvedimento di omogeneizzazione, concordato in sede di Conferenza delle Regioni, dell'inizio dei saldi, previsto per l'ultimo giorno non festivo prima del 6 gennaio mentre resterà invariato quello estivo che, per caso, è già il linea con quanto accade nel resto del Paese.

L'assessore Brandi ha quindi ricordato che, già in assestamento di bilancio, si era intervenuto a favore dei centri commerciali naturali (attività nel centro storico), di quelli in via
(strutture commerciali in ambito urbano) e dei rivenditori dei generi di monopolio "categoria, quest'ultima, molto colpita dalla crisi anche a causa della concorrenza d'oltreconfine", ha
dichiarato l'assessore, "alla quale abbiamo dato sostegno con contributi per formazione, borse di studio, riconversione e acquisto di terminali multifunzione per l'accesso ai servizi
della pubblica amministrazione".

"Quest'anno - ha precisato l'assessore - da tale categoria sono arrivate in pochi mesi oltre 170 domande di finanziamento che prevediamo di soddisfare completamente nel 2012 con i 220 mila euro messi a disposizione".

"Tornando ai centri commerciali naturali ed in via, i contributi per la loro nascita trovano ragione nella rivitalizzazione del tessuto urbano e, soprattutto, nella tutela e nella valorizzazione del piccolo commercio" ha spiegato l'assessore Brandi, rilevando che a tale scopo erano stati messi a disposizione, in sede di assestamento di bilancio, 240 mila euro
e che, considerate le domande di finanziamento ricevute, la posta a disposizione nel 2012 sarà di 300 mila euro.

Altre norme inserite in Finanziaria e riservate al Commercio prevedono che anche i CAT (Centri di assistenza tecnica alle imprese) possano diventare firmatari di contratti di lavoro e di
accordi quadro nazionali.
Inoltre, ha detto l'assessore, la Regione continuerà a sostenere la riqualificazione dei pubblici
esercizi e a sostenere la ristrutturazione e la messa a norma di infrastrutture come i mercati agroalimentari di Trieste e di Udine, il Centro commerciale all'ingrosso di Pordenone ed il
Comprensorio fieristico di Gorizia.

Dalle categorie è arrivato da un lato un collettivo ringraziamento per gli interventi di contenimento della pressione fiscale e dall'altro la preoccupazione per il problema
dell'accesso al credito, tema, quest'ultimo, che l'assessore Seganti ha confermato essere tra quelli al centro dell'attenzione della Giunta.

"Posta la priorità del sostegno allo sviluppo economico del tessuto imprenditoriale ed quello alla semplificazione per l'accesso al credito, accanto all'impegno per la riduzione della pressione fiscale ed in particolare dell'IRAP, tassa che tra l'altro ha conseguenze pericolose per il mondo del lavoro, non mancano le politiche di sostegno settoriale, con alcuni focus sulle PMI di tutti i settori - ha dichiarato l'assessore Seganti - e quelle a sostegno dell'innovazione e dell'esportazione".

L'assessore Seganti ha quindi ricordato l'influenza positiva delle defiscalizzazione sul marketing territoriale e confermato come si stia lavorando, assieme ai Confidi ed ai Fondi di rotazione, al consolidamento del credito, al congelamento dei mutui bancari, all'accesso al credito "con dotazioni sufficienti a coprire tutte le necessità delle imprese sino all'assestamento
di bilancio".

Federica Seganti ha quindi dichiarato che la Regione intende continuare a favorire lo sviluppo economico con il sostegno di innovazione ed esportazione e ricordato gli strumenti attivati lo
scorso anno a tale proposito, spiegando come si è operato in relazione all'allocazione dei fondi.

"Entrando nello specifico - ha rilevato Seganti - per quanto riguarda gli incentivi alle imprese (LR 4/2005) delegati a Camere di commercio e CATA, anche per il 2012 abbiamo confermato lo stanziamento, pari a 8,2 milioni (7 milioni alle CCIAA e 1,2 ai CATA), dello scorso anno, mentre sul canale delegato ad Unicredit e Mediocredito centrale (relativo ad un bando comunitario concluso e ad uno regionale di cui Unicredit si è impegnato a chiudere le istruttorie entro la fine dell'anno), abbiamo una disponibilità residua di 14 milioni, cui si assommano i 9,5 milioni inseriti in assestamento ed ulteriori 4 milioni inseriti
nella finanziaria 2012".

Sottolineando "la correlazione tra impresa che esporta ed impresa che innova", Federica Seganti ha quindi confermato che anche per il 2012 la Regione sosterrà l'innovazione nei settori dell'industria, del commercio e dell'artigianato con 7,5 milioni di euro e l'internazionalizzazione delle aziende con una posta iniziale di 700 mila euro.

Infine, per quanto riguarda il Turismo, posto che l'attività promozionale resterà inalterata, l'assessore ha confermato che si è deciso di ridurre la posta riservata ai grandi eventi e di
sostenere, con 1 milione di euro, lo sviluppo della portualità turistica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento