Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica

Serracchiani: «2015 sia l'anno della fiducia e della speranza»

Messaggio di fine d'anno del la presidente del Friuli Venezia Giulia; "2014 anno sicuramente impegnativo, di grandi sfide. Nel 2015 fare ancora di più e meglio, per rendere la region una realtà modello nel nostro Paese".

"Il 2015 possa essere l'anno che stiamo aspettando da tanto tempo. L'anno in cui si ritroveranno fiducia e speranza. L'anno in cui la nostra comunità potrà davvero tornare a riconoscersi".

Lo afferma la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani in un messaggio in cui formula i "migliori Auguri di pace e serenità a tutti i cittadini della regione". Ricordando che il 2014, ormai al termine, "è stato un anno sicuramente impegnativo, di grandi sfide", Serracchiani esorta tutti "a fare nel 2015 ancora di più e meglio, per rendere il Friuli Venezia Giulia una realtà modello nel nostro Paese".

"Per uscire dalla crisi che ci attanaglia, per assicurare crescita, sviluppo, occupazione, bisogna tener duro. Soprattutto in questo periodo non dobbiamo mollare, ma anzi dobbiamo impegnarci di più e tutti assieme, sapendo che abbiamo la forza, l'intelligenza e la determinazione per uscire dal buio della crisi. In questa sfida ci sostiene l'orgoglio della nostra storia e la consapevolezza di essere una vera comunità regionale", ha aggiunto, ricordando come il 2015 sarà l'anno in cui andranno attuate le riforme già approvate (Sanità, Enti locali, Cultura) e ne andranno varate altre, in primo luogo quella "per rilanciare le nostre imprese, creare posti di lavoro, essere attrattivi".

E il 2015 sarà anche l'anno "in cui porteremo a compimento le tante misure di semplificazione avviate, per rendere meno complicata la vita a cittadini e imprese. E continueremo a ridurre i costi della macchina regionale, pur garantendo gli stessi servizi ed anzi rendendoli più efficienti e di migliore qualità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serracchiani: «2015 sia l'anno della fiducia e della speranza»

TriestePrima è in caricamento