rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica

Shoah, Bolzonello: «Antisemitismo, intolleranza e razzismo piantati nel presente»

Lo ha affermato oggi a Trieste il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Sergio Bolzonello, a margine delle commemorazioni del Giorno della Memoria alla Risiera di San Sabba.

«Mi si stringe il cuore vedendo la polizia davanti alle scuole ebraiche: la Shoah appartiene al passato ma antisemitismo, intolleranza e violenza sono purtroppo piantati nel presente».

Lo ha affermato oggi a Trieste il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Sergio Bolzonello, a margine delle commemorazioni del Giorno della Memoria alla Risiera di San Sabba.

«Non dobbiamo rassegnarci a un nuovo clima di paura, per nessuna ragione. Non dobbiamo cedere a nessuna minaccia contro le libertà e i diritti conquistati a così caro prezzo. Non vogliamo dimenticare le vittime del culto della morte e del terrore, ingoiate dai campi nazisti nel disprezzo della persona e di qualsiasi diversità».

«Ho fiducia che il nostro sistema democratico, la formazione etica e civile delle nostre popolazioni non permetterà che il corpo sociale sia toccato dall'infezione del razzismo o di qualsiasi ideologia intollerante. In quest'opera di tutela le istituzioni svolgono un ruolo fondamentale e - ha concluso Bolzonello - la Regione Friuli Venezia Giulia è in prima linea».

Dopo la cerimonia al monumento nazionale della Risiera di San Sabba, presente anche l'assessore regionale Francesco Peroni, il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia è intervenuto all'intitolazione del giardino di piazzale Giarizzole a Ondina Peteani, deportata ad Auschwitz, scomparsa nel 2003, "prima staffetta partigiana d'Italia", come riportato nella targa scoperta dal sindaco di Trieste, Roberto Cosolini.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Shoah, Bolzonello: «Antisemitismo, intolleranza e razzismo piantati nel presente»

TriestePrima è in caricamento