Martedì, 21 Settembre 2021
Politica

Regionali in Sicilia, Tondo (Ar): «Il centrodestra unito vince, la guerra in Fvg porta male»

«Bene Musumeci, esperto e capace. Servono candidati inclusivi, non uomini soli al comando»

«La guerra nel centrodestra del Friuli Venezia Giulia porta male. Invito i partiti della coalizione ad abbassare i toni e cercare una convergenza sul programma, senza cedere alla tentazione di mostrare i muscoli per imporre il proprio candidato. Il voto in Sicilia conferma che il centrosinistra è largamente minoritario in tutto il Paese, e certifica una crisi profonda del renzismo. Se Atene piange, lasciamola alla sua disperazione, e non facciamoci prendere da autolesionismi emulativi». Così Renzo Tondo, presidente di Autonomia Responsabile in Consiglio regionale, nel commentare «con tutta la prudenza del caso, i risultati delle elezioni regionali in Sicilia. Primo dato: allarmante l’astensionismo ormai saldamente oltre al 50%. Secondo dato: i fallimenti amministrativi del Movimento 5 Stelle, a Roma ma non solo, non intaccano minimamente il consenso popolare. Gli elettori votano contro il “sistema dei partiti”, e di riflesso premiano i grillini ben oltre i loro meriti. Terzo dato: il centrodestra unito ha i numeri per vincere».

Continua Tondo: «È necessario ricordare che il Friuli Venezia Giulia ha valori e culture diverse, quindi sarebbe improprio forzare paragoni altre realtà. C’è tuttavia un dato incontrovertibile: in Sicilia, il garante della tenuta della coalizione è un candidato esperto e capace, espressione del centrodestra, ma non di uno dei partiti più forti. Un’analisi politica non può prescindere da questa considerazione: servono persone capaci di includere, non uomini soli al comando».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali in Sicilia, Tondo (Ar): «Il centrodestra unito vince, la guerra in Fvg porta male»

TriestePrima è in caricamento