menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sindacato di Polizia Sap sulla Scarcerazione Lampo " e' solo la Punta dell'Iceberg"

Riceviamo da Lorenzo Tamaro segretario provinciale del Sindacato Autonomo di Polizia e pubblichiamo: Il caso della scarcerazione "lampo" dei rapinatori autori del fatto criminale dell'altro giorno, costituisce una punta di un iceberg di tutto...

Riceviamo da Lorenzo Tamaro segretario provinciale del Sindacato Autonomo di Polizia e pubblichiamo:

Il caso della scarcerazione "lampo" dei rapinatori autori del fatto criminale dell'altro giorno, costituisce una punta di un iceberg di tutto un sistema che evidentemente scricchiola.
La libertà, poche ore dopo l'arresto per chi ha commesso un reato come quello a Trieste, è la realtà che spesse volte gli operatori di polizia vivono, vedono e subiscono in maniera silenziosa, il tutto magari dopo mesi se non anni di impegnative indagini, che hanno costato non pochi soldi alla comunità e che hanno causato molti sacrifici anche familiari a chi, le indagini, le ha condotte. Spesso accade, che gli arrestati siano già molto "conosciuti" e spesso accade che se i criminali fossero stati detenuti per scontare la pena già inflitta in passato, non avrebbero nemmeno avuto l'opportunità di delinquere.
Leggi, interpretazioni, lungaggini giudiziarie e le ormai irrimandabili difficoltà del congestionato sistema carcerario, portano forse anche a questo, come anche delegare la custodia degli arrestati in attesa del processo per direttissima alle forze di polizia che hanno proceduto all'arresto, distogliendo il personale dal controllo del territorio e dalle indagini.
Nei giorni scorsi il SAP, intervenuto in merito, aveva sostenuto che il problema va affrontato alla radice.
Sappiamo, detenere una persona in carcere costa!
Ma quanto costa questa stessa persona in libertà che continua a delinquere e che mette continuamente in moto tutta "la macchina della giustizia" oltre che creare il danno, non solo economico, alle sue vittime? E la pericolosità sociale?
Crediamo che in tempi di crisi e di razionalizzazione della spesa pubblica bisogna metter ordine anche in questo campo, bisogna saper scegliere da che parte stare.
Il SAP, pur valutando dovute le garanzie concesse a chi viene indagato, si schiera dalla parte della "giustizia", dalla parte del cittadino che troppe volte vede negate le proprie garanzie, cioè che il suo vivere nel rispetto delle norme non venga sovvertito da chi con il suo operato criminale crea un danno economico e sociale di cui non paga mai le conseguenze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento