menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Startup Trieste si evolve in associazione culturale, Carini: «Vogliamo essere utili alla città»

Il sodalizio ha già stabilito le principali linee guida ed i progetti che saranno sviluppati da una compagine aperta a tutti i triestini

Nasce ufficialmente l’associazione culturale Centro Studi Startup Trieste, con l’atto costitutivo depositato nei giorni scorsi. I soci fondatori sono Fabio Carini, presidente, Isa Amadi, vicepresidente, Roberto Bencich, tesoriere, Micol Brusaferro, segretario generale e poi Cristiano Drosg, Lino Madotto e Alessandro Piemonte.

Il sodalizio ha già stabilito le principali linee guida ed i progetti che saranno sviluppati da una compagine aperta a tutti i triestini desiderosi di partecipare alla crescita di una città unica al mondo. 

«Siamo prima di tutto triestini – spiega Carini – e da questa certezza ripartiamo per essere utili alla nostra amata città, per identificare e realizzare in sinergia con tutte le realtà del territorio le azioni più opportune per rilanciare Trieste in chiave europea e mondiale. Viviamo momenti storico-politici decisivi, serve l’impegno di tutti per conquistare il presente e porre le basi per un futuro per troppo tempo negato».

Tra gli obiettivi prioritari i giovani, per fornire risposte alle domande inerenti la fase di conclusione e perfezionamento dello studio, l’attività di impresa in rete ed impresa hub, per dare vita a incubatori dove sviluppare senza oneri aggiunti attività imprenditoriali, per collaborare con le aziende disponibili a dedicare spazi free ai giovani, utilizzandoli per consulenze e collaborazioni, e ancora per promuovere momenti di interscambio tra giovani e meno giovani al fine di creare sinergie e trasferire conoscenza ed esperienza.

Nello statuto primeggia la valorizzazione dello status internazionale e neutrale di Trieste anche attraverso eventi nuovi quali il Festival delle Comunità al quale si sta già lavorando. E poi idee che riguardano il turismo, l’ambiente, il volontariato, il commercio, la cultura, le attività sportive con particolare attenzione a quelli che vengono erroneamente considerati sport minori.

Tra i punti cardine anche ogni azione possibile per giungere alla dismissione totale del mostro Ferriera e un forte interesse alla vita delle periferie. Si punta, infatti, a favorire nuove attività portando anche manifestazioni in grado di vivacizzare l’aspetto sociale ed economico delle zone meno centrali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: consigli e idee regalo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento