menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stazione autocorriere ancora nel degrado. Covalero: «Completo abbandono, rischio malattie»

Lo rileva in un post Fulvio Covalero di Obiettivo Trieste, che poi riporta il contenuto completo della mail: i servizi igienici per i disabili sono chiusi a chiave. Inaccessibili. Le pulizie sono svolte da una persona per tre ore al giorno. Molti sono colpiti dalle patologie conseguenti al guano dei piccioni»

«Intanto che la politica locale si occupa di emigranti questo testo inviato via mail continua a non ottenere ne considerazione ne risposta».

Lo rileva in un post Fulvio Covalero di Obiettivo Trieste, che poi riporta il contenuto completo della mail:

«Trieste, 12 maggio 2015
Un paio di mesi fa mi sono recato alla stazione delle autocorriere del Silos e nonostante fossero le 18 e mezzi pubblici circolassero fino alla mezzanotte i servizi igienici erano chiusi.
Ho telefonato al Consigliere Roberto Decarli per segnalargli l'anomalia che ha immediatamente inviato una mail all'Assessore Elena Marchigiani che dopo pochi minuti ha risposto: “ne parlerò con i vertici della Saba che gestisce la struttura”.
E infatti qualche giorno dopo ho ricevuto in via informale la risposta: “i vertici della Saba hanno promesso che terranno aperti i servizi igienici fino alle 19
Nonostante questa promessa due settimane fa un autista è rimasto chiuso all'interno dei servizi igienici alle 17.
Promesso? Ma non dovrebbero esserci delle regole scritte … per esempio un capitolato da rispettare?
Parlandone con alcuni gestori di attività commerciali all'interno della stazione emersero altre criticità: i servizi igienici per i disabili sono chiusi a chiave. Inaccessibili. 
Covalero Fulvio
Le pulizie sono svolte da una persona per tre ore al giorno.
Molti sono colpiti dalle patologie conseguenti al guano dei piccioni.
Le strutture arrugginite che circondano l'edificio non fanno presagire una manutenzione imminente ma servono solo a sostenere le improvvisate tettoie a protezione dei calcinacci che si staccano dalle facciate dell'edificio.
Ogni lettera inviata per segnalare tutto questo non è servita a nulla!
Bene, e allora andiamo a vedere cosa dice il capitolato che sicuramente è stato firmato tra Comune di Trieste e la Saba. Dopo un mese di ricerche non se ne trova traccia, sembra proprio non ci sia.
Possibile che la stazione delle autocorriere presso il Silos sia stata data in gestione senza pretendere alcuna regola? A questo punto pare proprio di si.
Chiediamo pertanto si diano risposte definitive sull'esistenza o meno di questo capitolato.
Se dal 2003 a oggi sono stati fatti dei controlli sul rispetto di quanto eventualmente concordato e se in caso questi controlli non fossero stati eseguiti (esisterebbe una relazione in merito).

Le mail che solitamente arrivano dalle Amministrazioni locali avvertono che nessuno ha il diritto di divulgare le risposte ottenute.
Premetto fin d'ora che eventuali risposte che arrivassero automaticamente saranno considerate come autorizzazione alla loro divulgazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento