menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stazione Marittima, PD: «Possibile acquisizione di MSC Crociere positiva per Trieste»

Lo rilevano in una nota  Luca Salvati - Consigliere Provinciale del PD, Maria Monteleone - Consigliere Provinciale del PD, Luca Bressan – Presidente IV Circoscrizione del PD, Andrea Dessardo – Vice Presidente V Circoscrizione del PD e Cristiano Magnelli - Consigliere VII circoscrizione del PD

«La stampa riporta con particolare rilievo l'interessamento di MSC Crociere per il Terminal Passeggeri della Stazione Marittima. A nostro avviso la notizia assume particolare rilievo per la città di Trieste, tenuto conto che MSC Crociere è una compagnia in crescente costante sviluppo in termini sia di passeggeri che di navi. Si tratterebbe peraltro di un gradito ritorno a Trieste, in quanto MSC, qualche anno fa,  faceva "home port" a Trieste con MSC OPERA, nave ora attualmente rinnovata attraverso il progetto "Rinascimento" avvenuto ad opera di Fincantieri».

Lo rilevano in una nota  Luca Salvati - Consigliere Provinciale del PD, Maria Monteleone - Consigliere Provinciale del PD, Luca Bressan – Presidente IV Circoscrizione del PD, Andrea Dessardo – Vice Presidente V Circoscrizione del PD e Cristiano Magnelli - Consigliere VII circoscrizione del PD.  LUCA SALVATI-2

«Ed - continua la nota -  è proprio a  Fincantieri che MSC ha affidato  la costruzione di due grandi navi passeggeri (c.d. Progetto "Seaside"), che   risulteranno particolarmente innovative nel design e nei servizi di alta qualità offerti alla clientela a  bordo.  L'auspicio è che Trieste possa rivelarsi uno scalo particolarmente adatto ad accogliere le nuove grandi ammiraglie di MSC Crociere, per cui sarebbe quanto mai importante l'ingresso di questa grande Azienda del mare nella compagine azionaria di TTP, in vista di un potenziamento del Nord Adriatico, quale "maxi terminal" crocieristico».

«Altrettanto significativo - spiegano -  appare il rinnovato interesse di Venice Terminal Passeggeri verso il terminal triestino, in quanto la presenza di VTP tra i soci del terminal potrebbe  tradursi in proficue sinergie tra gli scali di Trieste e Venezia,  allo scopo di mantenere sempre alta la presenza delle grandi compagnie armatrici sugli scali italiani del Nord Adriatico. Per Trieste la contemporanea presenza di navi di Costa Crociere ( già socio di TTP tramite TAMI),  i cui scali 2016 sono già stati schedulati, e di quella di MSC Crociere, che ora si sta delineando, costituiscono il miglior indicatore per lo sviluppo del porto nel settore crocieristico ed un ottimo strumento per lo sviluppo dell'economia turistica dell'intera città, con riflessi indubbi su quella regionale».  

«Trieste - conclude -  ha una vocazione turistica e crocieristica innata e perchè questa si affermi la politica non deve far altro che agevolarne il percorso che si sta delineando. E lo spostamento delle navi da crociera in quest'area non sarebbe solo a beneficio della città ma anche a vantaggio di Venezia, che godrebbe di un minor impatto ambientale e potrebbe comunque contare sull’afflusso di turisti provenienti da Trieste».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento