Politica

«Su 9 milioni trasferiti dallo Stato a Trieste, oltre quattro spesi per i rifugiati»

Lo afferma Everest Bertoli, capogruppo in consiglio comunale di Forza Italia: «Cronaca di un disastro annunciato. Territori, amministratori locali, Forze dell'ordine,oramai in ginocchio. A breve vera e propria emergenza sociale»

«È la cronaca di un disastro annunciato. I territori, gli amministratori locali, le Forze dell'ordine, sono oramai in ginocchio e tra pochissimo saremo di fronte ad una vera e propria emergenza sociale. Il Governo nazionale deve fare qualcosa e in fretta, perché avanti di questo passo non sarà più possibile dare un minimo di dignitosa assistenza a esseri umani che vengono trattati come pacchi postali, né si potrà garantire la pace sociale a Trieste come altrove». Lo afferma in una nota Everest Bertoli, capogruppo in consiglio comunale di Forza Italia.

«Cosolini e Serracchiani - continua la nota - devono smetterla di dire cose buone con il difetto di essere irrealizzabili e guardare concretamente ad un fenomeno che, lungi dal fermarsi, aumenterà via via d'intensità».

«Capisco i finti perbenisti - spiega Bertoli - pronti ad accogliere un numero illimitato tanto paga lo Stato. Comprendo i gestori che si trovano a gestire milioni di euro in affidamento diretto, senza una gara e che chiedono di estendere i programmi attuali. Ma in un paese stremato dalla crisi, dalle tasse, che produce mille disoccupati al giorno e assolutamente impossibile farsi carico da soli di un dramma planetario».

«Quando si scopre - sottolinea il consigliere -  che nel 2014 su 9 milioni e 300 mila euro di trasferimenti statali al Comune di Trieste, quasi la metà 4 milioni e 200 mila sono stati destinati all'accoglienza dei rifugiati mentre solo 1 milione 200 mila alle scuole materne comunali, che lo stato destina per il Piano locale giovani a Trieste solamente 3.516, quando lo Stato stabilisce che un rifugiato per vivere in Italia ha bisogno di 1050 euro al mese mentre sono centinaia di migliaia le famiglie che vivono con molto meno ci si rende conto della bomba sociale che si sta innescando».

«Giovedi in Consiglio Comunale - conclude Bertoli -  saranno votati due documenti: quello di Forza Italia e di altre forze dell'opposizione che chiede di fermare gli arrivi perché non possiamo accogliere più e quello della maggioranza che chiede di proseguire con gli arrivi. Ogni consigliere si assumerà una responsabilità enorme nei confronti di chi ci ha eletti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Su 9 milioni trasferiti dallo Stato a Trieste, oltre quattro spesi per i rifugiati»
TriestePrima è in caricamento