Politica

Vertice Balcani, Gentiloni: «Verso un'area economica integrata»

«Questo non risolve ancora le aspettative italiane in merito al tema immigrazione, la politica migratoria comune in Ue non è ancora sufficiente»

«Un piano di azione per dare vita a un'area economica regionale integrata dei Balcani occidentali che metta insieme tariffe e scambi commerciali in un'area di 20 milioni di abitanti». Questa è la "prospettiva straordinaria" delineata dal presidente del Consiglio dei ministri, Paolo Gentiloni, alla conferenza stampa di chiusura del Western Balkan Summit 2017 tenutosi a Trieste, alla quale hanno partecipato, tra gli altri, la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, e il vicepresidente, Sergio Bolzonello.

«Non sono qui a raccontare che è una prospettiva dietro l'angolo perché sappiamo quanto ancora vive siano le differenze, le divisioni e le controversie», ha sottolineato il premier Gentiloni, aggiungendo che è certo però che qui a «Trieste si decide di lanciare un orizzonte». «Credo sia importante che Italia, Francia e Germania», ha affermato riferendosi al trilaterale avvenuto a bordo della nave Palinuro «si riuniscano e condividano alcune idee fondamentali su quello che deve essere il processo di rilancio dell'Unione europea».

Proprio sulla coesione tra gli Stati membri dell'Ue, Gentiloni ha evidenziato come queste settimane siano caratterizzate da «un brulicare di riunioni da questo punto di vista perché è un percorso che farà fatica a dispiegarsi prima del compiersi di alcuni passaggi politici». Il presidente ha comunque ribadito che «tre grandi Paesi fondatori condividono alcuni passaggi fondamentali per quanto riguarda il futuro dell'Unione».

Gentiloni ha però sottolineato che questo non risolve ancora le aspettative italiane in merito al tema immigrazione «perché noi restiamo convinti che la spinta operata dall'Italia da due o tre anni a questa parte in funzione di una politica migratoria comune abbia ottenuto dei risultati ma che questi siano ancora insufficienti. Sono soddisfatto - ha concluso il premier - dello spirito che ho colto nell'incontro con la cancelliera Merkel e con il presidente Macron ma sono consapevole che dobbiamo continuare a lavorare».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertice Balcani, Gentiloni: «Verso un'area economica integrata»

TriestePrima è in caricamento