rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Tensione in Consiglio

Tagli alla sanità, Pd Trieste: “Rischi per la salute dei Triestini ma per il sindaco la nostra mozione non è urgente”

Barbo: “Opposizione non rispettata, nel precedente mandato oltre 100 mozioni non discusse”. Famulari: “Atto aziendale va contro Pnrr e indirizzi regionali, indebolisce sanità territoriale, importante in pandemia”

“L’opposizione non viene rispettata e mozioni importanti vengono ignorate, come quella che chiede l’audizione dell’assessore Riccardi in merito all’atto aziendale di Asugi. Un atto che rischia di impoverire la sanità triestina”. Così i consiglieri comunali del Pd, che hanno indetto oggi una conferenza stampa per segnalare presunte criticità nel dibattito in aula dall’inizio del nuovo mandato.

“C’è una totale mancanza di rispetto – ha spiegato il capogruppo Giovanni Barbo - : purtroppo in questo primo mese di attività del Consiglio non abbiamo rilevato nessun cambiamento rispetto al mandato precedente, che si è concluso con oltre 100 mozioni non discusse e altrettante senza risposta. Riteniamo sia un grave segnale di scorrettezza nei confronti non tanto nostri ma soprattutto dei cittadini che ci hanno votato e che rappresentano quasi la metà delle persone che si sono recate alle urne nelle ultime amministrative. Ci auguriamo che nel 2022 cambi l’atteggiamento da parte della maggioranza e che vengano ascoltate le proposte dell’opposizione, fatte per il bene della città”. 

Sono due, in particolare, le questioni nel mirino del Pd: “l’atto aziendale di Asugi – precisa il dem - e la didattica a distanza, che sono stati considerati argomenti non urgenti dalla maggioranza mentre, leggendo i giornali, mi pare evidente che lo siano”.

“Il Comune di Trieste – spiega Laura Famulari -  all’assemblea dei sindaci ha approvato, sulla base di rassicurazioni verbali, l’atto aziendale di Asugi, che indebolisce la sanità triestina, in particolare quella territoriale. A fronte invece di un sindaco che evidentemente si è fatto sentire nell’Isontino, e che non ha avuto alcuna forma di ridimensionamento”. 

L’opposizione tutta ha infatti firmato una mozione che chiede l’audizione di Riccardi, dei vertici Asugi e dei sindacati di settore. “Chiediamo un approfondimento serio – insiste l’esponente del Pd - perché vogliamo esercitare il nostro ruolo in consiglio Comunale e vogliamo che anche il sindaco venga messo al corrente, visto che non ha richiesto queste rassicurazioni in modo più preciso e concreto, di ciò he accadrà alla salute dei triestini. Questo atto aziendale è addirittura in distonia con la delibera regionale ma è in contraddizione anche con le direttive del Pnrr“.

“Abbiamo visto durante la pandemia – conclude Famulari - quanto è importante avere un presidio sul territorio” e segnala altre criticità quali “grandi ritardi nelle visite specialistiche, oltre al fatto che la la prevenzione è saltata così come il sistema di controllo del Covid, perché non c’è più tracciamento, le famiglie in quarantena aspettano una telefonata anche per una settimana”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli alla sanità, Pd Trieste: “Rischi per la salute dei Triestini ma per il sindaco la nostra mozione non è urgente”

TriestePrima è in caricamento