Politica

Tpl, Riccardi (Fi): «La politica del Fvg ha fatto il suo lavoro»

«Una questione rilevante per garantire importanti servizi ai nostri cittadini dove è ancora in contenzioso un contratto del valore di ben oltre un miliardo di euro»

«Io credo che la politica abbia avuto il coraggio e la forza di battere un colpo sulla vicenda del Trasporto Pubblico Locale, prendendosi il lusso, per una volta, di convergere ampiamente nell'interesse del sistema Regione». Lo dichiara nell’Aula del Consiglio Regionale il Capogruppo di Forza Italia Riccardo Riccardi rivolgendosi alla Presidente Debora Serracchiani.

«Quella del Trasporto Pubblico Locale - prosegue Riccardi - rappresenta oggi, assieme alla sanità e agli enti locali, una delle questioni più rilevanti per garantire importanti servizi ai nostri cittadini dove è ancora in contenzioso un contratto del valore di ben oltre un miliardo di euro. Ma l’azione che la politica regionale ha saputo mettere in campo riguarda soprattutto la presenza di società in mano a soggetti istituzionali diversi dal sistema Fvg. Da un lato c’è infatti il contenzioso con Busitalia, controllata da Ferrovie dello Stato; dall’altro, la nuova presenza di Ferrovie Nord Milano, partecipata da Ferrovie dello Stato». 

«Questo quadro rappresenta una rilevante presenza nel Fvg di fronte alla quale la politica regionale ha saputo attivare i meccanismi utili al fine di consentire una efficace gestione delle partecipazioni pubbliche consentendo alla Regione la costituzione di società di scopo a cui anche gli enti locali possono conferire le quote di proprietà di società operanti nel settore del trasporto pubblico locale dagli stessi possedute».

«Fanno sorridere - conclude il capogruppo di Fi - le prese di posizione di alcuni consiglieri del Pd che tentano d'incolpare il centrodestra che per primo si è attivato proprio per arrivare alla norma votata dall'aula».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tpl, Riccardi (Fi): «La politica del Fvg ha fatto il suo lavoro»

TriestePrima è in caricamento