Politica

Turismo, Pilutti (Ar): «Cinque anni di devastante silenzio sullo Iat a Duino Aurisina»

«Tanta domanda, ma l'offerta è limitata considerando il potenziale del nostro territorio, l'ufficio Informazioni e accoglienza turistica deve essere affidato a persone competenti e formate»

«La cultura è un diritto di tutti - sostiene Serena Pilutti, candidata a consigliere comunale per Duino Aurisina con la Lista Ret Autonomia Responsabile - ed è di estrema importanza ai fini della coesione sociale, dell'integrazione senza conflitti, della conservazione delle identità, dell'innovazione, della crescita e dello sviluppo economico per il benessere individuale e collettivo».

Cultura, turismo ed ambiente, secondo Pilutti, vanno di pari passo nell'ottica di uno sviluppo sostenibile del territorio. Nella riorganizzazione della macchina comunale è necessario il coinvolgimento e la valorizzazione delle realtà esistenti. ll rilancio delle frazioni passa anche attraverso una pianificazione strategica che coinvolga il turismo, la cultura e l'agroalimentare.

«Il turismo storico - aggiunge la candidata - è in stretta sinergia con quello naturalistico, i percorsi turistici non sono sufficientemente valorizzati ed è essenziale rivalutare e salvaguardare il litorale con i sentieri percorribili. C'è tanta domanda, ma l'offerta che fino adesso è stata proposta è davvero limitata considerando l'enorme potenziale del nostro territorio, ed in tutto questo gioca un ruolo chiave la ristrutturazione e modernizzazione dello Iat (ufficio Informazioni e accoglienza turistica) che deve essere affidato a persone competenti e formate».

L'attenzione posta nei confronti di queste tematiche coinvolge molti campi, perfino quello dei servizi e del benessere «Infatti - conclude Pilutti - la cultura ha una funzione sociale di servizio pubblico, è salute perchè essa svolge anche il compito fondamentale di rispondere alle domande d'identità, al bisogno di sapere, di ricevere e di offrire conoscenza. È compito della cultura produrre una cittadinanza consapevole che si ponga il mandato di ristudiare la trasformazione della società contemporanea».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, Pilutti (Ar): «Cinque anni di devastante silenzio sullo Iat a Duino Aurisina»

TriestePrima è in caricamento