menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blue Whale, Barillari (AR): «La Regione intervenga con una campagna informativa»

La mozione del consigliere regionale Giovanni Barillari (AR) per arginare il Blue Whale

«Esperimenti temerari. Sfacciate sfide al buon senso. Incisioni. Tagli. Torture. Il fenomeno Blue Whale si diffonde in modo progressivo e allarmante. Serve una task force, un progetto condiviso tra istituzioni, politica, scuola e parrocchie per spiegare ai ragazzi quanto siano pericolosi questi 'giochi' estremi. La scuola è ancora in corso, e può divenire lo strumento ideale per diffondere informazioni corrette, e per spiegare ai nostri ragazzi l'importanza della propria incolumità e il valore profondo della vita. Chiedo alla Regione di mettere assieme tutti i soggetti sopraelencati per arginare questa follia».

Così il consigliere regionale Giovanni Barillari (AR) nell'illustrare una mozione presentata in Consiglio regionale.

«Ogni giorno - spiega - le notizie riportano preoccupanti episodi del dilagante e folle fenomeno del Blue Whale, con strascichi anche in FVG e nella città di Udine. Abbiamo infatti registrato un caso sospetto nella nostra regione e la Procura di Udine sta indagando: ringrazio chi si sta occupando con perizia di questo fenomeno e di ciò che ne consegue, nonché chi lo ha denunciato. Spero che si possano trovare i locali responsabili istigatori della Blue Whale Challenge. Credo però che anche la Regione debba fare la sua parte e mi muoverò in tal senso presso il Consiglio regionale».

Ancora Barillari: «Ritengo che coinvolgere l'Ufficio scolastico regionale, le Diocesi e le realtà sportive, con la possibilità di estendere il coinvolgimento a tutti i soggetti che operano con i ragazzi, sia il primo e più immediato passo da compiere per coordinare un'azione informativa presso i nostri giovani e penso che la Regione possa svolgere il ruolo di coordinamento in questo momento. Alle parole del maniaco ideologo di questo allucinante gioco di morte che invita i ragazzi al suicidio 'per riprendersi la propria vita', ritengo si debba contrapporre la frase di Madre Teresa di Calcutta che recita: La vita è la vita, difendila. Spero che la Regione accolga il mio appello e si muova immediatamente».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

Festa della mamma: consigli e idee regalo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Fedriga: "Non fossilizziamoci sul coprifuoco, riaprire in massima sicurezza"

  • Cronaca

    Appartamento "centrale di spaccio" in piazza Foraggi: arrestato 36enne

  • Cronaca

    Turismo: da metà maggio arriva il green pass per viaggiare in Italia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento