Politica

Uno Sguardo... Dall'Europa: Trieste? La grande Assente...

Di Europa ci si riempie la bocca troppo spesso. Che sia per parlarci bene che sia per criticarla fortemente.... Da tempi immemori si parla di Trieste al centro dell’Europa, di Trieste porta sull’Est, del ruolo fondamentale che la nostra città...

Di Europa ci si riempie la bocca troppo spesso. Che sia per parlarci bene che sia per criticarla fortemente ....

Da tempi immemori si parla di Trieste al centro dell'Europa, di Trieste porta sull'Est, del ruolo fondamentale che la nostra città potrebbe avere con l'allargamento. Sono stati creati numerosi comitati, convocate tavole rotonde e titoli altisonanti nelle prime pagine dei giornali hanno fatto il gioco di qualche politico.

Ma quali sono state le vere opportunità colte da Trieste? Trieste ha sfruttato, almeno minimamente, le opportunità politico/finanziarie messe a disposizione dell'Unione europea? Cosa sta facendo concretamente Trieste per contare di più a Bruxelles?

Da troppo tempo non vi sono rappresentanti triestini nelle sedi europee deputate a prendere decisioni fondamentali quali ad esempio il Parlamento europeo e Comitato delle Regioni dell'Unione europea.

Anche nel complesso regionale del Friuli Venezia Giulia non possiamo vantarci troppo. L'attuale Presidente della Regione Serracchiani, ex parlamentare europea, certo non ha brillato per attivismo a Bruxelles e Strasburgo. Sono stati dati i poteri necessari per far valere gli intessi regionali all'ufficio della Regione a Bruxelles?

In questi giorni al Comitato delle Regioni dell'Unione europea si sono tenuti diversi incontri sulle macro aree europee di cui una, la Ionico-Adriatica, comprende Trieste. C'era qualche rappresentante istituzionale della nostra città?

Sarebbe un errore enorme rimbalzarsi le colpe e non fare nulla per migliorare la situazione. Bisogna creare squadra e fare "sistema-Trieste" tra categorie economiche, forze politiche ed esperti in materia.

Non possiamo lasciare che frasi come "Trieste, la porta sull'Est Europa" rimangano solo inchiostro su carta del giornale. Dobbiamo svegliarci e attivarci. Fare pressioni affinché gli interessi dell'economia, della ricerca, del turismo, del porto, della cultura triestina possano essere sollevati nelle sedi adeguate e per tempo onde evitare di accorgerci troppo tardi che le decisioni importanti sono già state prese.

E prese da altri...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uno Sguardo... Dall'Europa: Trieste? La grande Assente...

TriestePrima è in caricamento