menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cultura: fondo regionali per progetti volti a valorizzare i dialetti di origine veneta

40 mila euro a disposizione di progetti nei settori di "studio e ricerca" "cultura e spettacolo". L'assessore Torrenti: «Sono stati i settori che sino ad ora hanno espresso il maggior numero di attività e progetti». Termine per la presentazione delle domande il 25 novembre p.v.

Al fine di provvedere alla valorizzazione dei dialetti di origine veneta (triestino, bisiaco, gradese, maranese, muggesano, liventino, veneto dell'Istria e della Dalmazia, veneto goriziano, pordenonese e udinese) parlati in Friuli Venezia Giulia, la Giunta regionale ha approvato, su indicazione dell'assessore alla Cultura, Sport e Solidarietà Gianni Torrenti, l'avviso pubblico che, attraverso il Fondo regionale appositamente istituito, servirà a supportare le iniziative proposte. A disposizione ci sono 40 mila euro e pertanto verranno finanziati unicamente i settori "Studi e ricerche" ed "Attività culturali e spettacolo".

«Sono stati i settori che sino ad ora hanno espresso il maggior numero di attività e progetti» afferma l'assessore regionale. «Il provvedimento è stato assunto in via transitoria e solo per l'anno in corso nel contesto più ampio del riordino della normativa regionale sulla valorizzazione dei dialetti veneti - dichiara l'assessore - per gestire in modo adeguato risorse utili alla realizzazione di iniziative che rispondano ad alcuni criteri fondamentali».

La sostenibilità nel tempo dell'attività svolta e la sua estensibilità territoriale, il concorso di più partner, la dimensione del progetto, l'esperienza già acquisita sul campo e l'uso del dialetto nella realizzazione dell'intervento sono considerati infatti di primaria importanza per la valutazione delle iniziative, che la Regione sosterrà al 100 per cento della spesa ammissibile per cifre che variano, a seconda del progetto, da 5 mila a 10 mila euro.

Le domande di finanziamento ed i relativi programmi dovranno venir presentati entro il 25 novembre prossimo e saranno quindi inseriti in una graduatoria che, al pari dell'avviso, verrà pubblicata sul sito della regione www.regione.fvg.it. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento