Politica

Autonomia Responsabile: «Giunta Serracchiani, ovvero la tirannia della maggioranza!»

Vladimir Kosic in un comunicato di Autonomia Responsabile FVG Trieste

«Di recente, la vicesegretaria del PD, disquisendo sui temi inerenti la democrazia, ha citato K. Popper. Il filosofo austriaco è stato anche per me una fonte importante per superare scelte ideologiche che avevano alimentato per decenni le mie simpatie politiche (senza tessera). Mi sono chiesto per quale motivo, dato che su un tema così importante come la democrazia e le fonti teoriche connesse collimassero, io fossi in completo disaccordo con l’ispiratrice e la protagonista di una prassi politica che rasenta l’autocrazia. E, rievocando K. Popper, mi sono ricordato una sua citazione: “La Democrazia non può compiutamente caratterizzarsi solo come governo della maggioranza, benché l’istituzione delle elezioni generali sia della massima importanza. Infatti anche una maggioranza può governare in maniera tirannica. ” (K. Popper, La società aperta e i suoi nemici)

Riflettendo, ad esempio, sulle riforme della sanità e delle autonomie locali la vicesegretaria, con retriva coerenza, ha mantenuto il suo percorso devastante di due sistemi che si sono sempre distinti a livello nazionale per la loro efficacia ed efficienza. La citazione di K. Popper mi sembra più che appropriata prendendo in considerazione la riforma sanitaria. Calata dall’alto e senza alcuna verifica, né di metodo né di merito sul campo, non c'è stato alcun livello di condivisione né con gli enti locali né con la categoria dei medici ospedalieri che l'hanno di fatto dovuta accettare d'ordine e d'imperio. Con il protocollo sottoscritto tra Regione e Università la pianificazione e la programmazione avranno luogo solo con il confronto tra questi due enti! La voce di chi rappresenta i cittadini più da vicino, i Sindaci, e la voce dell’80% dei medici che operano negli ospedali dell'FVG, non avrà alcuna possibilità di essere ascoltata.

Con la giunta di centrosinistra la Conferenza permanente per la programmazione sanitaria e sociosanitaria è stata praticamente annullata. Il ruolo dei Sindaci nella condivisione di scelte sanitarie e soprattutto di quelle connesse alle risorse delle politiche sociali non esiste più. E' stata persino respinta la possibilità di indire un referendum regionale. La giunta regionale decide da sola a come, per chi e per che cosa spendere il 60% del bilancio regionale. Si tratta di una presa di potere in piena regola, di una occupazione ingiustificata quanto incomprensibile su cui nessuno né può né deve intervenire o interloquire. Il Messaggero Veneto del 29 luglio riportava in terza pagina che, a seguito di decisioni assunte dal governo nazionale sul MIA (misura attiva di sostegno al reddito) sarebbero stati necessari cinque anni di residenza per poter beneficiare del contributo.

Com’è noto, nella nostra regione, per ricevere il contributo (SIA), erano sufficienti 24 mesi, come previsto dall’art. 3, l.r. 15/2015. Con le modifiche proposte dalla DGR 1595/2016 al regolamento di attuazione relativo alla misura attiva di sostegno al reddito, in coerenza con gli emendamenti approvati nella legge di Assestamento, basteranno sempre 24 mesi. Si richiama l’attenzione sul fatto che la residenza di 24 mesi in Regione rimane condizione sufficiente per poter beneficiare del contributo. Ci si domanda che cosa succederà per i beneficiari non cittadini italiani (circa 45% di persone che ricevono il contributo nell'FVG) che già beneficiano del contributo che ha una durata di 12 mesi. 

Autonomia Responsabile aveva chiesto un aumento per il FAP (contributo regionale per la non autosufficienza) di un milione che non è stato concesso. L'abolizione del check and balance previsto in tutte le democrazie, che la riforma costituzionale di Renzi prevede di eliminare, nella nostra Regione è in atto da 3 anni e mezzo. Ai cittadini del'FVG la valutazione dei risultati raggiunti dalla “maggioranza tirannica” della Serracchiani e dalle conseguenze che potrebbero derivare da un Senato “federale” senza federalismo previsto da Renzi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autonomia Responsabile: «Giunta Serracchiani, ovvero la tirannia della maggioranza!»

TriestePrima è in caricamento