menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cristian Sergo

Cristian Sergo

Vitalizi, Sergo (M5s): «Privilegio che costa 9 milioni di euro ogni anno ai cittadini Fvg»

«Ora scopriremo se le forze politiche continuano a prendere in giro gli italiani o fanno sul serio»

«I consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle Elena Bianchi, Ilaria Dal Zovo, Eleonora Frattolin, Cristian Sergo e Andrea Ussai hanno rinunciato al vitalizio poche settimane dopo l'elezione. È bastata una lettera inviata al presidente Iacop per rifiutare questo medievale privilegio della casta. Non hanno certo atteso l'approvazione di una legge». A ricordarlo è  Cristian Sergo.
«È vero, il Consiglio regionale qualche mese più tardi ha abolito i vitalizi per tutti i nuovi eletti mantenendo però questo odioso privilegio per gli ex consiglieri. Già quattro anni fa il M5S Fvg ne aveva chiesto la revoca visto che, ogni anno, costa ai cittadini del Friuli Venezia Giulia 9 milioni di euro».


«Importanti risorse economiche che avevamo chiesto fossero utilizzate per il reddito minimo garantito. All'epoca ci era stato detto che questo non era possibile e che al massimo si poteva chiedere un bonus solidarietà con tagli ridicoli di qualche punto percentuale. Così la casta regionale bocciò la nostra proposta di legge che voleva che i vitalizi per gli ex consiglieri fossero riparametrati in base al sistema contributivo».
«Ieri qualcuno si è convinto del contrario. Bene, ne prendiamo atto, ma quanti milioni di euro è costato tutto questo ai cittadini italiani? Ora che la Camera ha approvato la legge sui vitalizi attendiamo il sì del Senato dove scopriremo se le forze politiche stanno continuando a prendere in giro gli italiani o se questa volta vogliono andare fino in fondo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento