Politica

Volontari sicurezza, Cisint: «Non chiamatele ronde, saranno segnalatori del degrado»

Critiche sui social per la nuova iniziativa a supporto delle forze dell'ordine locali. Il sindaco: «Da gennaio sono state fatte 400 multe a ciclisti in contromano»

«I volontari (che ringrazio perché alla chiacchiera hanno preferito l'azione e l'impegno) non faranno azioni legate alla sicurezza». Lo dichiara sulla sua pagina Facebook il sindaco di Monfalcone Anna Cisint a proposito del recente bando regionale per l'arruolamento di queste figure. «Saranno volontari anti degrado - continua Cisint - perché il termine "ronde" non è stato mai utilizzato dal sindaco che ha detto da subito che i compiti dei concittadini aderenti saranno, previa formazione, simili a quelli dei cittadini romani che controllano i monumenti: qui si adopereranno anche come deterrente per gli abbandoni delle immondizie e il non corretto utilizzo delle aree verdi, segnalando alle forze dell'ordine eventuali situazioni. Cosa che già avviene nei fatti anche ora. Pertanto - conclude il sindaco - è il momento di fare, se vuoi aiutare la tua città scrivi a sindaco@comune.monfalcone.go.it».

Il post è stato in seguito commentato con diverse segnalazioni riguardanti i disservizi dei vigili monfalconesi che (stando alle dichiarazioni dei followers) si sarebbero rivelati scortesi e negligenti in più di un'occasione. Si mette quindi in dubbio l'utilità dei segnalatori «se poi gli esecutori stentano a intervenire».

«Ho chiamato i vigili non so quante volte per segnalare ciclisti in contromano sul marciapiede - dichiara una delle utenti - e non in corso. Dicendo che ero stufa di dover fare attenzione ad uscire di casa e camminare sul marciapiede, sopratutto la mattina. Mai visto nessuno. Anzi l'ultima volta che ho chiamato la persona che mi ha risposto era pure scocciata. Per cui inutile fare vigilanza anti degrado se poi i vigili non vengono». 

Così ribatte Anna Cisint: «Da gennaio sono state fatte 400 multe a ciclisti in contromano. Ho richiesto di nuovo venerdì un ulteriore inasprimento. In Corso come nel resto della città (viale eccetera). La ringrazio comunque per il suo contributo che mi creda è tenuto in assoluta considerazione. È iniziato un processo non semplice in cui la bacchetta magica non è prevista».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volontari sicurezza, Cisint: «Non chiamatele ronde, saranno segnalatori del degrado»

TriestePrima è in caricamento