Venerdì, 24 Settembre 2021
TriestePrima Piazza Dell' Unita' D'Italia

Presidio per i lavoratori precari dell'Area Educazione del Comune di Trieste

L'Usb, Unione sindacale di base, ha organizzato una manifestazione sotto il Comune per convinvere l'Amministrazione comunale a stabilizzare i precari e continuare con le assunzione anche se ritenute illegittime dalla Corte Costituzionale

11.04 - Giovedì 15 maggio 2014, in occasione della seduta del Consiglio Comunale, USB organizza a partire dalle ore 18:30 davanti al Palazzo comunale un presidio a sostegno della continuità occupazionale dei lavoratori precari dell'Area Educazione del Comune di Trieste, messa a serio rischio dalla sentenza n° 54 della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittime tutte le assunzioni, anche a tempo determinato, avvenute nel Comparto unico a partire dal 2011 per garantire la continuità e la qualità di un servizio essenziale e infungibile per le famiglie e i cittadini tutti.

Con tale iniziativa, che si inserisce nel quadro della giornata di mobilitazione nazionale per rinnovo dei contratti e stabilizzazione dei precari delle Pubbliche Amministrazioni di USB, prosegue la mobilitazione sulla vicenda che ha già ottenuto un primo risultato nella decisione del Comune di continuare con le assunzioni a tempo determinato per il servizio estivo (fino a settembre).

USB chiede però al Comune di Trieste di risolvere definitivamente la questione, in prospettiva della stabilizzazione dei precari dell'Area Educazione, facendo propria e mettendo in pratica la proposta avanzata da USB: continuare con le assunzioni del personale a tempo determinato in deroga alla normativa vigente per poter così ottemperare al dettato costituzionale e alla propria funzione principale di garantire ai cittadini i servizi essenziali e infungibili, quali sono tutti i servizi educativi (compresi i Ricreatori).

Una via del tutto legittima, come confermato anche da una sentenza della Corte di Cassazione – Sezioni riunite di deliberare, come primo passo in tal senso, l'essenzialità e l'infungibilità di tutti i servizi educativi, compresi i Ricreatori comunali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidio per i lavoratori precari dell'Area Educazione del Comune di Trieste

TriestePrima è in caricamento