rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
social

Golfo di Trieste, avvistati dei piccoli esemplari di Pinna nobilis

Durante un monitoraggio sui fondali di Grignano sono state individuate 18 piccole Pinne da 6-7 cm che nelle prossime settimane verranno tenute sotto stretta osservazione per poter controllare l’andamento della loro crescita

Sono stati avvistati qualche giorno fa nel Golfo di Trieste dei piccoli esemplari di Pinna nobilis. La notizia - si legge sui canali social della Regione Friuli Venezia Giulia - è stata data dai ricercatori dell'Area Marina Protetta di Miramare e gli avvistamenti di queste "baby Pinne" - considerati gli ultimi dati e avvenimenti - sono davvero incoraggianti: durante un monitoraggio sui fondali di Grignano sono state individuate 18 piccole Pinne da 6-7 cm, che nelle prossime settimane verranno tenute sotto stretta osservazione per poter controllare l’andamento della loro crescita.

Il progetto "Life Pinna"

"Le azioni di monitoraggio, già svolte dal team di Miramare da alcuni anni per conto della Regione e del Ministero dell'Ambiente, verranno implementate anche nell'ambito del progetto europeo "Life Pinna" che ha la finalità di salvaguardare il più grande mollusco bivalve del Mediterraneo, a rischio estinzione a causa dell'epidemia che lo sta decimando in tutto il mare nostrum. 

La riserva regionale da alcuni anni riveste un ruolo di primo piano nello studio e nella divulgazione di questo straordinario mollusco e rappresenta e uno dei siti in cui verranno realizzate alcune delle azioni del progetto: dal monitoraggio degli esemplari sopravvissuti al restauro ambientale. 

Il ruolo ecologico di questo grande mollusco è molto importante: filtrando l’acqua, trattiene grandi quantità di materia organica da detriti sospesi che contribuiscono alla limpidezza dell’acqua. Le sue superfici sono inoltre colonizzate da moltissime specie bentoniche, tra cui alghe e macroinvertebrati, aumentando così la biodiversità locale. L'obiettivo del progetto è che il gigante dei fondali torni a ripopolare i nostri mari, ripartendo dai giovanili che si impianteranno in modo naturale o grazie all'aiuto della ricerca".

“Strage” di pinne: da Sistiana a Muggia morti 7 molluschi su 10

Chi è la “nacchera”

La Pinna nobilis, conosciuta come nacchera, pinna comune, cozza penna o stura, è uno dei più grandi molluschi bivalvi del Mediterraneo ed è una specie endemica del Mare nostrum.

Classificata come specie di interesse comunitario, bisognosa di una rigorosa protezione da parte dell'Unione Europea secondo la Direttiva Habitat (92/43/CEE) e come una specie in via di estinzione secondo il protocollo ASPIM (Aree Specialmente Protette di Interesse Mediterraneo) della Convenzione di Barcellona (allegato II), recentemente è stata riconosciuta ufficialmente ed elencata come "Critically Endangered" dalla Red List of Threatened Species dell'IUCN.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Golfo di Trieste, avvistati dei piccoli esemplari di Pinna nobilis

TriestePrima è in caricamento