Lunedì, 14 Giugno 2021
social

Dalla Bora al Molo Audace: gli anelli dedicati a Trieste di Valeria Rossini

Trieste diventa ancora più preziosa con gli anelli realizzati a mano dalla designer di gioielli veronese Valeria Rossini

Valeria Rossini è l'ideatrice e creatrice di una collezione di anelli meravigliosa dedicati a Trieste. Nel dettaglio, si ispirano alla Barcolana, alla Bora, al Molo Audace e molti altri simboli di trieste.

Valeria ha 28 anni, è di Verona e la sua storia è piuttosto curiosa. Circa sette anni fa, viveva a Milano e studiava Design della Moda al Politecnico. Per una serie sfortunata di eventi non è riuscita a superare un esame del primo semestre che le impediva l'ingresso al laboratorio del semestre successivo. Trovandosi con sei mesi di affitto pagato, ha deciso di impiegare il suo tempo seguendo ciò che ogni essere umano dovrebbe seguire: la curiosità e la propria attitudine.

«Nella zona in cui vivevo - ci racconta Valeria- c'era una piccola scuola orafa che teneva corsi semestrali. Così, ho deciso di iscrivermi spinta anche dalla mia predisposizione alle attività manuali. È stato illuminante, come se avessi sempre voluto fare esattamente quello. L'anno successivo, ho spostato tutto il mio percorso universitario sul design del gioiello».

Ma la domanda che ci è sorta spontanea è come mai una ragazza di Verona avesse deciso di dedicare una collezione di anelli proprio a Trieste. «Circa una anno fa ho avuto la fortuna di iniziare una preziosa collaborazione con Isabella Bullo, la proprietaria della boutique Bardot. Avevo creato una piccola collezione di anelli molto minimali fatti a mano che riprendevano concettualmente alcuni luoghi di Verona, la mia città natale, che lei aveva apprezzato molto e scelto per il suo negozio. L'idea di tentare di fare la stessa cosa utilizzando come ispirazione Trieste è nata da qui. Alla fine del percorso siamo arrivate a sei pezzi: La Barcolana, il Molo Audace, La Bora, Piazza Unità, La Rosa dei Venti, il Tempio Mariano. Ognuno dei modelli rappresenta in modo estremamente schematico il suo elemento di ispirazione. Abbiamo presentato la collezione durante la sera della Barcolana».

Ed il riscontro con i triestini? «Davvero uno splendido riscontro. Durante l'evento di presentazione, ho avuto il piacere di raccontare questo progetto a persone molto diverse tra loro che hanno dimostrato di capirlo e apprezzarlo molto. É stata davvero una grande, grandissima soddisfazione personale».

Gli anelli creati da Valeria sono frutto della lavorazione dei cosiddetti metalli poveri. La maggior parte della sua produzione è in ottone e argento, materiali scelti per il loro colore e la consistenza. Inoltre, essendo i suoi pezzi eseguiti a mano e mai con stampi, diventano pezzi unici alla portata di tutti.

La Bora-2 Bora. Sei mai stata a Trieste durante le giornate di Bora, quella vera?

«Devo ammettere di no, ma deve trattarsi di qualcosa di molto coinvolgente. Sviluppare la forma dell'anello Bora è stato davvero interessante esattamente per questo, perchè il vento è qualcosa di potentissimo ma allo stesso tempo invisibile. Con questa fascia aperta da due dita aderente alla mano volevo trasmettere proprio l'idea di una forza invisibile che “schiaccia” e deforma le cose, dando a quello che colpisce un aspetto diverso».

La Barcolana. Come mai hai scelto questa forma? Tre anelli uniti: ricordano le onde del marethumbnail_La Barcolana-2 mosse dal vento.

«L'idea della Barcolana era invece quella di richiamare le vele che si stagliano disordinatamente contro il cielo alzandosi sulla linea dell'orizzonte. Per questa ragione sono tre anelli saldati tra loro alla base di cui due sono le vele e una, quella dritta sul dito, il mare».

Cosa vorresti dire ai giovani designer che vogliono fare di quest'arte un mestiere?

«Di non dare nulla per scontato, di lavorare a testa bassa sulle cose che amano fare e di imparare a collaborare e a dare fiducia a chi crede in loro».

Facebook Valeria Rossini

Gli anelli li potete trovare da Bardot

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Bora al Molo Audace: gli anelli dedicati a Trieste di Valeria Rossini

TriestePrima è in caricamento