Lunedì, 20 Settembre 2021
social

La storia di Borea, la divinità del vento del Nord

Il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia ha dedicato un'intera puntata di approfondimento a Borea, divinità mitologica il cui reperto bronzeo è oggi esposto nella sezione del museo dedicata alla decorazione dei grandi edifici pubblici della città antica di Aquileia

Immagine tratta dal video del canale YouTube del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia

Borea è il dio del vento del Nord, una divinità mitologica il cui nome evoca la nostra amata Bora. Una sua rappresentazione, nel dettaglio una testa bronzea, fu ritrovata nel 1988, durante una campagna di scavi nel foro di Aquileia e gli studiosi non ebbero dubbi nel classificarla come una personificazione del vento grazie alla sua espressione e le sue caratteristiche: sguardo virile, capelli ricci e scompigliati come mossi dal vento, barba folta e labbra socchiuse, tese nello sforzo dello sbuffo.

Il rilievo, databile tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C., è tra i reperti più noti del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia e attira ogni anno migliaia di visitatori per la sua bellezza, per le buone condizioni di conservazione, ma soprattutto perché, come noto, sono davvero molto rare le testimonianze in bronzo di quest’epoca. Il bronzo infatti veniva spesso fuso e riciclato per altri usi nei secoli successivi.

La leggenda di Bora

Qualche curiosità

Borea è un personaggio della mitologia greca, la personificazione del Vento del Nord. Viene raffigurato come un uomo barbuto ed alato, con due volti e la chioma fluente. Nella mitologia romana corrisponde ad Aquilone.

Ed è proprio il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia che ha deciso di dedicare un'intera puntata di approfondimento a questo curioso reperto bronzeo oggi esposto nella sezione del museo dedicata alla decorazione dei grandi edifici pubblici della città antica di Aquileia. La rubrica si intitola "OMNIBUS, lo spazio per tutti" ed è uno spazio di approfondimento dove vengono presentati con contenuti audio e video alcuni dei reperti più importanti del museo.

Sapevate ad esempio che il bellissimo reperto in questione finì all’interno di un pozzo, nella piazza principale della città antica? Per approfondire e scoprire la sua storia cliccate qui: OMNIBUS. L'applique in bronzo con testa di vento (VIDEO).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia di Borea, la divinità del vento del Nord

TriestePrima è in caricamento