Giovedì, 16 Settembre 2021
social

L'American Chemical Society spiega gli "effetti collaterali" del caffè assunto al mattino

Un recente studio dell'American Chemical Society spiega gli "effetti collaterali" prodotti dal caffè, soprattutto se assunto al mattino

Che il caffè sia per molti la regola fissa di ogni mattina lo sappiamo già, questa magica bevanda infatti grazie alla caffeina riesce a svegliarci anche quando forse sembra impossibile. Nel corpo umano, la caffeina si comporta come uno stimolante del sistema nervoso centrale, perché inibisce una molecola che induce il sonno: l'adenosina. I nostri neuroni hanno dei recettori che accolgono l'adenosina, attivando una reazione che ci rende sonnolenti.

Ma il caffè non produce solo questo effetto al mattino, inutile nascondersi. Molti, dopo averlo preso, sentono quasi subito l'esigenza di andare in bagno.

Lo studio

A tutto questo c'è una spiegazione, fornita da un recente studio dell'American Chemical Society: questo studio ha innanzitutto escluso che a provocare questo effetto sia la caffeina in quanto l'effetto si verifica anche in coloro che bevono caffè decaffeinato. Per questo motivo sono state individuate altre due possibili cause.

La prima è questa: nel momento in cui ingeriamo il caffè il corpo umano risponde con la secrezione nello stomaco di succo gastrico, che ci aiuta a digerire. Il caffè contiene però anche acido clorogenico, che aumenta l'acidità nello stomaco e lo aiuta a spingere più velocemente il contenuto verso l'intestino nel giro di circa 5 minuti.

La seconda invece è la seguente: il caffè stimola anche la produzione di due ormoni come la gastrina (ormone che regola la secrezione gastrica ed attiva i movimenti del colon che spostano il cibo verso la loro ultima destinazione) e la colecistochinina (promuove il rilascio di bile, stimola l'insulina ed agevola il transito intestinale). 

Lo studio ha inoltre individuato, secondo alcune stime, che ad avere questo 'effetto collaterale' nel mondo sono solamente 3 persone su 10. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'American Chemical Society spiega gli "effetti collaterali" del caffè assunto al mattino

TriestePrima è in caricamento