menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

La ricca tradizione delle danze popolari nel Friuli Venezia Giulia di un tempo

Territorio ricco di interessanti tradizioni storiche, oggi vogliamo raccontarvi il Friuli Venezia Giulia di una volta ricordando le numerose e antiche danze popolari del luogo: dalla Furlana alla Stajare

Territorio ricco di interessanti tradizioni storiche, il Friuli Venezia Giulia, crocevia di popoli con un mix di culture che hanno dato vita sin dall'antichità a rituali particolari, vanta narrazioni intrecciate. Oggi vogliamo raccontarvi il Friuli di una volta ricordando le numerose e antiche danze popolari del territorio.

Erano numerosi i momenti di festa e gioia durante i quali il ballo diventava protagonista, tra questi sicuramente le feste di matrimonio. Ma, il ballo era protagonista anche durante l'accensione dei Pignarûi, antico rito celtico. Danze nate principalmente per rappresentare in passato aspetti della vita affettiva come il corteggiamento e il fidanzamento. Durante l'estate si ballava all'aperto, presso le corti o nei cortili. D'inverno, invece, le famiglie si riunivano nelle stalle.

Fino agli anni Cinquanta la danza popolare era molto diffusa. L’accompagnamento musicale veniva fatto con la fisarmonica, col lirion, il flauto e il violino. Oggi, ad esclusione dei gruppi folkloristici, difficilmente questi balli vengono ancora praticati. Differenti a seconda della zona in cui venivano praticate, ecco alcune delle danze popolari più note in Friuli Venezia Giulia grazie alla selezione di friulani.net.

La Quadriglia

Una danza dalle origini antiche, nota già alla fine del Seicento, in quasi tutta Europa con il nome di “contraddanza” o "controdanza". La Quadriglia friulana è una tipica danza contadina che veniva eseguita da quattro coppie di ballerini in cerchio solitamente durante le feste nuziali.

La Furlana

La Furlana è una danza molto allegra in 6/8 o in 6/4 e si balla in una o in più coppie. L'origine è popolare, ma attraverso Venezia nel XVIII secolo divenne di gran moda in tutta l'alta Italia e, nel XVII secolo, anche in Francia, alla corte di re Luigi XIV. Il nome indica una chiara provenienza friulana, ma potrebbe avere origine slava.

Le testimonianze ci raccontano che essa sia nata proprio in Friuli Venezia Giulia intorno al 1574. Un ballo che coinvolgeva tutte le classi sociali, compresa l'aristocrazia, e che si differenzia da paese a paese. In tutte però si pone come danza di corteggiamento. L'armonizzazione di questa danza è stata inoltre  inserita nelle composizioni di diversi e importanti artisti come Johann Sebastian Bach, Jean Philippe Rameau, Maurice Ravel, John Moeran ecc.

La Ziguzaine

La Ziguzaine è un'antica danza popolare il cui nome deriva da "Zigeuner Geige": violino degli zingari. Con questo termine infatti era solito indicare una "sviolinata", cioè una suonata dedicata alla persona amata. Si tratta dunque di una danza di corteggiamento simile alla mazurka. Un tempo veniva ballata in occasione dell'accensione dei fuochi celtici.

La Vinca

La Vinca è un ballo in coppia che solitamente si eseguiva alla fine di una sagra di paese. Il ballo, che ha la vitalità di una polka, si conclude con un segno di affetto tra fidanzati.

La Torototele

Una danza molto allegra e vivace la Torotele. In partenza, la danza prevede una disposizione "a quadrato" per poi finire a semicerchio. Il nome sembra derivare dal termine "Torototei", dei cantastorie itineranti che accompagnati da rudimentali strumenti raccontavano storie. Il termine è stato poi associato a coloro che rientrando da un viaggio portavano notizie dai paesi vicini.

La Stajare

La Stajare è una danza rustica originaria dell'Austria, più precisamente della Stiria. Una volta arrivata nel nostro territorio la danza assunse caratteristiche tipicamente locali. Il tema della Stajare è stato utilizzato anche da Beethoven.

La Resiana

La Resiana è una danza molto antica originaria della Val di Resia. Veniva eseguita da due violini (zitira) e da un violoncello (bùncula). Si tratta di strumenti modificati per rendere il suono simile a quello delle cornamuse. La danza è caratteristica per il ritmo frenetico e travolgente. Si danza in coppia, anche se i ballerini pur stando sempre di fronte uno all'altro non si toccano mai.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Canone Rai: come richiedere l'esenzione per l'anno 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento